A- A+
MediaTech
Riforma Rai, tempi troppo stretti. Renzi ipotizza la retromarcia

"La tv pubblica è un luogo di cultura, non può essere governata da una legge che porta il nome di Gasparri". Parola di Matteo Renzi. Che però adesso si ritrova a fare i conti con temp sempre più stretti. Il nuovo board della Rai scade il 25 maggio. Mancano appena dieci giorni e la riforma destinata a scalzare la Gasparri deve ancora superare la prova del Senato. 

Renzi, secondo quanto riporta La Repubblica, ha paura che la riforma Rai si areni o comuqnue viaggi più lentamente del previsto. Ecco perché il presidente del Consiglio sta pensando a un'alternativa: nominare il nuovo Cda entro l'estate, con le vecchie regole. 

Il premier avrebbe confidato ai fedelissimi di non voler prorogare l'attuale board né di tornare a usare l'arma del decreto legge (contestato in virtù della mancanza del requisito dell'urgenza). L'alternativa obbligata sarebbe l'uso della Gasparri. Sarebbe comunque un passaggio a vuoto per il governo, che ci aveva messo la faccia presentanto il disegno di legge in prima persona.  

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
riforma rairenziraigasparrilegge gasparri
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.