A- A+
MediaTech
Niente fusione tra Publicis e Omnicom: gli screzi Lévy-Wren dietro lo stop

Il matrimonio finisce prima ancora di cominciare. Omnicom e Publicis hanno deciso di abbandonare il progetto di fusione. Non nascera quel colosso da 35 miliardi di dollari di fatturato che avrebbe costituito la prima azienda al mondo nel settore pubblicitario.

La motivazione ufficiale rifuarda i nodi normativi: "Le sfide che ancora restavano da superare, oltre alla lentezza dei progressi, hanno creato un livello di incertezza pregiudizievole per gli interessi di entrambi i gruppi, i loro dipendenti, i clienti e gli azionisti". La fusione, dopo il via libera dell'Ue e in attesa di quello cinese, ha incontrato un problema che il numero uno di Omnicom, John Wren, aveva definito "del tutto inaspettato": lo stop da parte delle autorità fiscali olandesi. Fonti vicino alla vicenda avrebbero però definito "superabili" i problemi legali.

L'addio alle nozze andrebbe quindi ricercato altrove, nell'idea di una fusione alla pari che ha creato un conflitto diretto tra i ceo Wren e Lévy. Meglio rinunciare alle nozze che vivere una vita di coppia litigiosa.

 

 

 

 

 

Tags:
publicisomnicomadv
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.