A- A+
MediaTech
StubHub marcia con l’Onda Arcobaleno: Village People spodestano Madonna

Siamo agli sgoccioli del mese di giugno, che da anni ormai si veste dei colori dell’arcobaleno per celebrare il Pride LGBT. L’entusiasmo questa volta ha contagiato anche StubHub, il più grande marketplace online di biglietti per eventi, al punto da promuovere un sondaggio per scoprire quanto siamo ferrati sulla manifestazione più inclusiva dell’anno, dalla sua storia alla playlist perfetta per la parata, passando per gli eventi che non possono assolutamente mancare nel calendario e gli accessori irrinunciabili per “non essere drag, ma solo queen”.

Tutti parlano di “Pride”, ma che cosa significa davvero? Secondo i dati raccolti, per il 66% è sinonimo di manifestazione contro ogni forma di discriminazione, mentre per il 30% vuol dire essere fieri di ciò che si è. Non sorprende, dunque, che la città eletta come simbolo sia stata proprio New York (35% dei voti) dove nel 1969 i moti di Stonewall hanno dato il via al movimento di liberazione gay. Seguono Londra (20%) e Milano (16%).

La musica, si sa, è una componente irrinunciabile di cortei, parate ed eventi a tinte arcobaleno, e StubHub, che di musica se ne intende, ha svolto un’accurata indagine per creare la playlist perfetta per la Pride Parade: a sorpresa, le ultime ruote del carro (è proprio il caso di dirlo) sono Madonna e Cher, che con le hit mondiali Vogue e Believe hanno guadagnato al massimo il 4% dei voti; YMCA dei Village People si è rivelata l’inno della manifestazione. Ecco la classifica:

  • YMCA – Village People (45%)
  • Don’t stop me now – Queen (22%)
  • Born this way – Lady Gaga (11%)
  • I will survive – Gloria Gaynor (7%)
  • Vogue – Madonna (4%)
  • It’s raining men – The Weather Girls (3,7%)
  • Dancing Queen – ABBA (3,7%)
  • Believe – Cher (3%)
  • Da grande sarai fr***o – Immanuel Casto (1,5%)
  • Supermodel (You better work) – RuPaul (0,5%)

Rimanendo in campo musicale, StubHub ha voluto sapere chi meriterebbe la corona di icona LGBT: come prevedibile, a salire sul trono è stato Freddy Mercury (57%), indimenticabile frontman dei Queen, seguito a breve distanza da Lady Gaga (40%) e Sir Elton John (32%). Stupisce anche questa volta l’assenza ai vertici alla classifica di grandi artiste come Madonna, Cher o Dalida, che per decenni hanno rappresentato un punto di riferimento per la comunità LGBT. La scelta dev’essere stata tutt’altro che semplice, chissà che qualcuno non si sia lasciato influenzare dal recente successo cinematografico di “Bohemian Rhapsody” e “Rocketman”, o dalla statuetta che Lady Gaga si è portata a casa per “A star is born” agli ultimi Oscar.

Ed è proprio la camaleontica Lady Gaga l’artista più ambita del Pride Month: il 54% vorrebbe inserire nel calendario della manifestazione almeno un suo concerto! Tra le attività più richieste troviamo, inoltre, una messa in scena dello sfavillante musical Priscilla – La regina del deserto (12%) e una maratona di Sense8, la serie tv delle sorelle Wachowski che al grido di “Amor vincit omnia” ha conquistato i cuori di tutto il mondo e l’8% (guarda caso) dei voti.

E dal momento che è l’amore in ogni sua forma ciò che si sceglie di celebrare in questa speciale occasione, è importante scegliere la compagnia giusta per sfilare accanto ai carri, o cercare di salirci sopra in uno slancio di emotività: il 46% trascinerebbe con sé la vicina di casa bigotta (per aprirle gli occhi, o per togliersela definitivamente dai piedi?), il nonno progressista (17%), a cui non importa chi ami, l’importante è che tu abbia mangiato, o il fidanzato omofobo (16%), metodo un po’ drastico per fargli cambiare idea, e probabilmente infallibile se si sta cercando di farsi lasciare.

Che sia a sventolare nel cielo, dipinta sul corpo o sulle calze del Sindaco, la bandiera arcobaleno è stata eletta accessorio irrinunciabile della Pride Parade, mettendo d’accordo quasi l’80% degli intervistati. Una menzione d’onore per il boa di piume, che secondo il 13% fa sempre tanto moda.

Infine, StubHub ha chiesto di identificare una parola d’ordine per l’Onda Pride: vince in maniera schiacciante “ADORO” (46%), seguita da un coro più contenuto di “Ma è stupendo” (19%) e da chi, posseduto per un attimo dallo spirito di MYSS KETA, ha risposto “PAZZESKA” (15%).

Abbattere muri e barriere tra le persone è il vero spirito del Pride Month, uno spirito che StubHub promuove attraverso i propri valori aziendali di diversity&inclusion, che condivide con tutto il gruppo eBay di cui è parte. Da sempre la piattaforma mette in contatto i fan di tutto il mondo, spingendoli a non lasciarsi fermare dai confini, di qualunque tipo essi siano, per seguire le proprie passioni e il proprio cuore, e permette loro di marciare fianco a fianco sotto un’unica bandiera: quella del divertimento!

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    stubhubsondaggio stubhubvillage peoplemadonna
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.