A- A+
MediaTech
Digitale e sinergie: Vivendi, ecco la strategia di Bollorè

Vincent Bolloré è il nuovo presidente di Vivendi. E, nel discorso successivo alla nomina, ha tracciato il percorso che il gruppo francese dovrà percorrere nei prossimi anni. Prima però un ringraziamento a Jean-René Fourtou: l'uomo che ha contribuito a salvare Vivendi dalla bancarotta resterà presidente onorario.

Continuità, certo. Ma l'arrivo di un uomo forte alla guida del gruppo segna un cambio di marcia. Il suo stipendio annuo sarà di 400 mila euro, 350 mila in meno del suo predecessore. Un segnale. Ma la sostanza è altrove, nella gestione delle società sotto il controllo di Vivendi. Canal+, Universal Music e l'operatore brasiliano Gvt mostrano crescite modeste, ma una capacità di integrazione enorme e non ancora esplorata. Bollorè lo ha detto chiaramente: "Canal+ deve svilupparsi sul mercato anglosassone, ma non può farlo da solo". Un altro esempio di senergie: l'operatore di telecomunicazioni Gvt punta a veicolare contenuti. Potrà farlo grazie alla sorella Universal.

La grande scommessa è l'espansione nei mercati emergenti. "Ci sono 2 miliardi di persone che hanno visto un aumento dei redditi tale da permettere loro l'accesso alla società dell'intrattenimento". Anche in questo caso, la posizione di Canal+, che vanta giù un milione di abbonati in Africa e Asia, potrebbe ricevere un'ulteriore spinta da Universal e Gvt. E poi c'è la sfida digitale. Vivendi è già presente con alcune partecipazione in Canalplay (video) Vevo (piattaforma di video musicali) e Spotify (con una quota del 5%). Sono investimenti che, a oggi, valgono 800 milioni di dollari. Saranno sempre più centrali nella strategia Vivendi.

Tags:
vivendibollorèmedia
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.