A- A+
MediaTech
"WhatsApp e Snapchat illegali". La stretta anti-terrorismo di Cameron

Il primo effetto delle stragi parigine potrebbe essere una stretta sulle app di messaggistica. L'ipotesi, rimasta sottotraccia mentre i leader mondiali marciavano contro il terrorismo, è stata resa esplicita dal premier britannico David Cameron. Se dovesse essere rieletto, ha promesso il primo ministro, WhatsApp, Snapchat e iMessage potrebbero essere dichiarete illegali. Almeno per come sono concepite oggi. Il motivo sarebbe la sicurezza. Perché queste app adottano sistemi di criptaggio che rendono impossibile intercettare le conversazioni.

Apple ha ripetuto più volte di non avere accesso ai contenuti di iMessage. WhatsApp ha, da poche settimane, aggiornato un algoritmo che consente di codificare i messaggi quando vendono composti e letti, sfuggendo così ai tentativi "intermedi" di intercettare la conversazione.

Dopo il caso Nsa, le app si erano attrezzate, facendo fronte alla crescente domanda di privacy da parte degli utenti. Ora però, dopo Parigi, i governi spingono nella direzione opposta. Cameron chiede l'apertura di uno spiraglio che consenta, qualora ci siano dei sospetti, di accedere alle conversazioni private. Il nuovo conflitto aperto dagli attentati di Parigi è questo: privacy contro sicurezza. 

 

 

Tags:
whatsappcameronterrorismo
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Ilary Blasi: "L'immaginazione dell'uomo...". LADY TOTTI, FOTO

Ilary Blasi: "L'immaginazione dell'uomo...". LADY TOTTI, FOTO


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.