A- A+
MediaTech
Whatsapp torna gratuito: addio abbonamento da 89 centesimi

Niente scherzi, questa volta è tutto vero. WhatsApp sarà (di nuovo) gratuito. Dopo il via libera all'abbonamento annuale da 89 centesimi e le decine di bufale che ipotizzavano costi esplosi e persino tariffe “a messaggio”, arriva la conferma ufficiale.

Jan Koum, fondatore di WhatsApp ha annunciato che l'app tornerà a essere completamente gratuita. Anche se la cifra è davvero minima e non ha certo fermato il successo (Whatsapp vanta 900 milioni di utenti attivi al mese), secondo il suo fondatore l'abbonamento potrebbe comunque ostacolare un ulteriore sviluppo.

Koum (cioè fondatore) e Mark Zuckerberg (l'attuale proprietario) non hanno dato spiegazioni ufficiali. Avrà contributo l'avanzata dei concorrenti come Telegram. Oppure il successo del concorrente-fratello, cioè Messenger. Resta da capire come l'app potrà reggere. Al momento le indiscrezioni puntano su due strade. La prima è il classico advertising: annunci a pagamento pubblicati nelle chat. Una scelta che però potrebbe essere disturbante, incidendo così sulla crescita degli utenti ben più di un abbonamento annuale da 99 centesimi. Ecco allora la seconda ipotesi: come Facebook, Whatsapp potrebbe puntare tutto sul business dei dati. Senza abbonamento e con tassi di crescita enormi, gli utenti saranno sempre di più. E lo saranno anche le aziende disposte a pagare per le loro informazioni.

Tags:
whatsappfacebookabbonamentoappmark zuckerberg
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.