A- A+
MediaTech
Zuckerberg, 500 mila euro in pubblicità per il terremoto: una buona idea

Mark Zuckerberg donerà 500 mila euro per il terremoto in spazi pubblicitari. 

Una scelta, quella del padre di Facebook, che sta facendo discutere. La donazione in crediti pubblicitari è singolare. La Croce rossa potrà avere mezzo milione di euro di annunci, da utilizzare come meglio crederà. La proposta è stata accolta con scetticismo. In sostanza si rimprovera a Mark Zuckerberg di elargire qualcosa che a lui non costa nulla, cioè uno spazio virtuale. Seconda accusa: ai terremotati e alle associazioni che se ne stanno prendendo cura non serve pubblicità ma soldi, subito. 

Il presidente del Codacons Carlo Rienzi, ad esempio, ha sottolineato che "più che una donazione vera e propria sembra una trovata pubblicitaria. In questo momento sarebbe stato sicuramente più utile versare soldi direttamente alla Protezione Civile per far fronte all'emergenza".

In realtà quei 500 mila euro, che siano in spazi pubblicitari o in contanti, restano 500 mila euro. Innanzitutto perché gli spazi garantiti alla Croce rossa occuperanno un pezzo di social che altri inserzionisti sarebbero stati pronti a pagare. Anche i mancati incassi sono quindi una forma di donazione. Senza dimenticare che Facebook vive quasi esclusivamente di pubblicità. Certo, 500 mila euro non sono una cifra gigantesca in relazione al fatturato. Ma si tratta pur sempre di una cifra significativa, proveniente da una società quotata, che deve rispondere ai suoi azionisti e non agli slanci (interessati o meno) di un solo uomo.

I critici sottovalutano poi la potenza comunicativa di Facebook, la più grande vetrina pubblicitaria al mondo. Grazie ad annunci sempre più indirizzati, anche investimenti modesti possono andare a bersaglio. 500 mila euro, quindi, sono una cifra consistente. Mark Zuckerberg sa meglio di ogni altro che questo investimento potrebbe trasformarsi in un moltiplicatore: la pubblicità può generare introiti, anche in un periodo breve. La Croce rossa, ad esempio, potrebbe occupare gli spazi con richieste di donazioni. Oppure potrebbe sfruttarli per dare visibilità gratuita alle attività rimaste in piedi dopo il terremoto, per ricreare un circuito turistico virtuoso. Qualora la Croce rossa lo desideri, potrebbe anche fare quelle che fanno molte agenzie: rivendere gli spazi donati a chi desideri comprarli. E allora i 500 mila di Zuckerberg si trasformerebbero in moneta sonante nel giro di pochissimo tempo. Insomma, la mossa di Facebook sarà anche stata fatta per una questione di immagine, ma non è meno significativa rispetto a una donazione diretta del suo fondatore.  

Tags:
zuckerbergmark zuckerberg terremotodonazione 500 mila euroterremotozuckerberg a roma
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.