A- A+
Medicina
Allarme epidemia batterica trasmessa da cuccioli di animali di una nota catena

Allarme epidemia batterica trasmessa da cuccioli di animale

 

Una malattia batterica legata ai cuccioli venduti da Petland, una nota catena americana che possiede circa 80 negozi di animali, è stata contratta da 55 persone e costretto al ricovero ospedaliero altre 13, secondo il CDC - Centers for Disease Control and Prevention

L’epidemia di campylobatteriosi, come riporta il The Washington Post, è iniziata a settembre e si è diffusa prima in 7 stati sino a raggiungere ben 12 con casi riportati in Florida, Kansas, Maryland, Missouri, New Hampshire, New York, Ohio, Pennsylvania, Tennessee, Utah, Wisconsin e Wyoming.

“Mentre Campylobacter è un batterio abbastanza comune tra i cuccioli di animale e i cani è inusuale vedere un episodio come questo di infezione diffusa tra gli umani in molteplici stati" ha detto Mark Laughlin, veterinario del CDC. La maggior parte dei casi è associata al mangiare pollame o carne cruda o non cotta o alla contaminazione incrociata di questi e di altri alimenti.

La campylobatteriosi  può causare diarrea sanguinosa, vomito e febbre.

 

Allarme epidemia batterica diffusa da cuccioli di animale

 

I risultati del laboratorio mostrano che i cuccioli venduti attraverso la catena Petland sono probabilmente la fonte dell'epidemia. Circa 35 delle persone alle quali è stata diagnosticata di recente campylobatteriosi o hanno acquistato un cucciolo da Petland o hanno visitato uno dei negozi della catena Petland o sono entrate in una casa dove era presente un cucciolo di Petland venduto appena prima dell'inizio dell'epidemia. Quattordici delle persone colpite dall’epidemia sono impiegati di Petland.

“Gli animali possono anche essere infetti e diffondere la malattia anche senza mostrarne i sintomi. Le persone che toccano per sbaglio anche una piccola quantità di feci sul pelo del cane o nella ciotola del cibo, e poi inavvertitamente toccano le proprie bocche, possono essere contagiati dal batterio”, ha detto Laughlin, che prosegue “Il ceppo Campylobacter della recente epidemia sembra essere resistente agli antibiotici comunemente raccomandati, ma la maggior parte delle persone che si ammalano non hanno bisogno di antibiotici e possono recuperare entro una settimana senza alcun trattamento specifico. I bambini sotto i 5 anni, gli adulti oltre i 65 anni e le persone con sistema immunitario indebolito potrebbero richiedere un trattamento aggiuntivo”..

Petland ha dichiarato di essere in grado di fornire traccia per qualsiasi cucciolo acquistato come richiesto dal CDC. L'azienda sta raddoppiando i suoi sforzi sull'istruzione per quanto riguarda la corretta igienizzazione delle mani.

Tags:
epidemia battericaepidemia cuccioli
Loading...
in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

i più visti
in evidenza
Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

Il rigoletto

Smart working, soft skills
Ripensare il lavoro post-Covid


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.