A- A+
Medicina
Alzheimer cura: la risposta può essere una molecola presa dagli squali

Alzheimer cura: la soluzione al problema dell'Alzheimer può arrivare dagli squali - Alzheimer news

L'Alzheimer è putroppo una delle malattie degenerative del cervello più diffuse al mondo ma una soluzione definitiva alla diffusione di questa malattia può arrivare da una piccola molecola chiamata trodusquemina contenuta nell'intestino degli squali.  Questo aminosterolo permetterebbe di bloccare l'effetto tossico degli aggregati di beta-amiloide che danno origine della malattia di Alzheimer.

Alzheimer cura: una scoperta in parte anche italiana - Alzheimer news

La scoperta degli effetti benefici della trodusquemina è stata effettuata da un team internazionale a cui hanno partecipato anche alcuni scienziati italiani. Il gruppo di ricerca infatti comprende anche Fabrizio Chiti, Cristina Cecchi e Roberta Cascella, professori presso il Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali e Cliniche dell’Università di Firenze.

Alzheimer cura: la trodusquemina rende inoffensivi gli aggregati di beta-amiloide che portano all'Alzheimer - Alzheimer news

La molecola scoperta dai ricercatori ha la capacità di bloccare l'effetto tossico degli aggregati di beta-amiloide che si formano nella corteccia celebrale e nell'ippocampo che vengono associati all'insorgenza dell'Alzheimer.  “Inoltre - spiega Chiti, che è anche coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico di Airalzh Onlus - questa molecola ha proprietà peculiari perché, pur non impedendo l’aggregazione del peptide beta-amiloide, riduce il tempo di vita degli aggregati intermedi ritenuti tossici, effetto benefico che va ad aggiungersi alla sua capacità diretta di neutralizzare tali aggregati intermedi quando questi si formano”.

Alzheimer cura: crescono i casi di Alzheimer, in Italia il problema è particolarmente serio - Alzheimer news

Il numero di soggetti colpiti da malattie neurodegenerative è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni, tanto da poter dire che le patologie legate al cervello sono diventate la peste del nuovo millennio. In Italia la situazione è particolarmente grave e si può parlare di una vera e propria emergenza sanitaria. Delle oltre 1 milione e 400 milioni persone colpite da problemi di demenza senile o altre forme di demenza, circa la metà è affetta da Alzheimer.

 

Commenti
    Tags:
    alzheimer sintomialzheimer causealzheimer curaalzheimer newstrodusqueminasqualodemenza senile
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Con la quarantena città vuote Grosso problema per i piccioni

    Coronavirus vissuto con ironia

    Con la quarantena città vuote
    Grosso problema per i piccioni

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 3 IN BILICO PER LA FINALE. LO SCHERZO A SOSSIO.. Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 2020 3 IN BILICO PER LA FINALE. LO SCHERZO A SOSSIO.. Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie

    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.