A- A+
Medicina
Alzheimer: positivi i test sul farmaco Lmtx, nuove speranze per i malati

Si è conclusa positivamente lo studio di fase 3 sul farmaco Lmtx per bloccare l’Alzheimer. 

 

Diversi gli effetti benefici sui pazienti trattati: stop al declino mentale, stop all’indebolimento mentale e riduzione della progressione della malattia, tuttavia gli stessi esiti non sono stati riscontrati su tutti.

Questi i risultati  dello studio che sono stati presentati a Toronto, durante la  Conferenza Internazionale dell'Associazione Alzheimer. 

La ricerca, condotta su un campione di 891 persone affette dalla malattia e diversamente trattate per un periodo di 15 mesi – un gruppo esclusivamente col farmaco (15%), un gruppo assumendo il farmaco in combinazione con altri, un terzo gruppo ha ricevuto un farmaco placebo – tramite i di abilità mentale ha rivelato come le capacità cognitive e di svolgere i compiti quotidiani si erano deteriorate molto più lentamente rispetto ai soggetti trattati con placebo. Inoltre, dalla risonanza magnetica si è evinto come l'atrofia cerebrale nei pazienti trattati con Lmtx risultava ridotta tra il 33 e il 38%, sempre rispetto ai pazienti trattati con il placebo

 

La diagnosi dell’Alzheimer è più difficile sugli uomini che sulle donne

 

Sempre durante il convegno di Toronto sull’Alzheimer è emerso un altro dato interessante: è più facile diagnosticare l’Alzheimer sulle donne che sugli uomini.

Non è vero dunque che le donne sono più suscettibili a questa malattia. Solo che arrivano più facilmente a una diagnosi, rispetto agli uomini che presentano sintomi diversi della malattia. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio realizzato dalla Mayo Clinic di Jacksonville, in Florida.

Per decenni i medici si sono concentrati sulla perdita di memoria come sintomo principale del morbo d'Alzheimer e di altre forme di demenza. Ora però i ricercatori hanno scoperto che gli uomini hanno maggiori probabilità, rispetto alle donne, di avere problemi non legati alla memoria. 

Dopo aver condotto esami post mortem sul cervello di 1.600 persone con l'Alzheimer, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini hanno maggiori probabilità di avere difficoltà di movimento e di parola. Infatti, negli uomini l'area del cervello legata alla memoria aveva più probabilità di essere risparmiata dalla malattia, rispetto alle donne.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alzheimercura alzheimersperimentazione cura alzheimerlmtx alzheimer
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Peugeot: la filosofia della guida elettrica

Peugeot: la filosofia della guida elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.