A- A+
Medicina
Alzheimer, scoperto 30 anni prima grazie a smartphone e realtà virtuale

Alzheimer, come individuare la malattia prima che compaiano i sintomi

L’Alzheimer potrebbe essere individuato fino a 30 anni prima che compaiano i sintomi grazie allo smartphone e alla realtà virtuale.

Alcuni scienziati stanno studiando una nuova tipologia di controllo che dovrebbe garantire un’accuratezza del 90%, rispetto all’attuale 50% dei metodi utilizzati fino ad ora per ravvisare i primi segnali della malattia.

Alzheimer, come riconoscere i sintomi grazie allo smartphone e realtà virtuale

Attraverso dei particolari auricolari, verranno testate le capacità di orientamento e di movimento nello spazio – alcune delle prime abilità colpite dall’Alzheimer e altri disturbi correlati alla demenza. Il test consiste nel fare indossare tali auricolari a un paziente, il quale inizia a muoversi all’interno di un ambiente simulato. Il completamento del compito richiede il funzionamento intatto della corteccia entorinale, quindi il team del Dr. Chan dell'Università di Cambridge ha ipotizzato che i pazienti con malattia di Alzheimer precoce avrebbero avuto difficoltà ad ultimare il test.

A tal proposito il dott. Chan ha sottolineato l’importanza di implementare questo nuovo metodo di controllo affermando che “Non si può continuare a fare diagnosi basandosi su domande e risposte che non funzionano davvero.

L’obiettivo poi sarà quello di riuscire ad integrare entro cinque anni questa tipologia di controlli in smartphone e alcuni gadget come Fitbis.

Alzheimer, sarà scoperto 30 anni prima grazie a smartphone e realtà virtuale

Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), nel mondo sono circa 44 milioni i malati di Alzheimer. Una cifra che è destinata a raggiungere oltre 135 milioni in poco più di 30 anni. Ad oggi non è stata ancora trovata una cura, ma alcuni farmaci, soprattutto se assunti nelle fasi precoci della malattia possono rivelarsi particolarmente efficaci nel frenare alcuni sintomi.

La dott.ssa Laura Phipps di Alzheimer's Research UK ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di modi per diagnosticare prima e più accuratamente". La dott.ssa Clare Walton della Alzheimer's Society ha dichiarato: "Attendiamo ulteriori ricerche per verificarlo".

Commenti
    Tags:
    alzheimeralzheimer sintomialzheimer come prevederloalzheimer come riconoscere i primi sintomialzheimer smartphone
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    CUPRA Born,ordinabile in Italia

    CUPRA Born,ordinabile in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.