A- A+
Medicina
Alzheimer: ansia fattore di rischio per casi lievi

Le persone affette da decadimento cognitivo lieve hanno un rischio maggiore di sviluppare il morbo d'Alzheimer nel giro di pochi anni se soffrono di ansia. Questo e' quanto emerso da uno studio del Rotman Research Institute di Toronto (Canada), pubblicato sul The American Journal of Geriatric Psychiatry. Livelli elevati di ansia sono risultati associati a un aumento del rischio di declino cognitivo rapido indipendentemente dalla depressione. In particolare, i pazienti con ansia lieve, moderata o grave hanno rispettivamente il 33 per cento, il 78 per cento e il 135 per cento di probabilita' in piu' di sviluppare l'Alzheimer. "Anche se non ci sono prove che dimostrino se i trattamenti farmacologici per l'ansia siano utili nelle persone con decadimento cognitivo lieve nel ridurre il rischio di conversione al morbo di Alzheimer, pensiamo che programmi di gestione dello potrebbero essere raccomandati", hanno concluso i ricercatori.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alzheimeransia
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.