A- A+
Medicina
Congresso Asco - American Society of Clinical Oncology: le novità di Gilead

Gilead Sciences ha annunciato oggi i risultati aggiornati di uno studio di fase Ib a singolo braccio, condotto in aperto con magrolimab – un anticorpo monoclonale anti-CD47 sperimentale – in combinazione con azacitidina in pazienti con sindrome mielodisplastica (SMD) non trattati in precedenza e in pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA) non idonei a chemioterapia intensiva e non trattati in precedenza (inclusi pazienti con LMA con mutazione TP53, una popolazione con gravi bisogni medici insoddisfatti). I risultati continuano a supportare l’attività clinica di magrolimab e azacitidina.

I dati sono stati presentati nel corso di una sessione orale all’Annual Meeting 2020 della American Society of Clinical Oncology (ASCO), in corso da oggi al 31 maggio.

Al momento del cut-off dei dati, 68 pazienti erano stati trattati con magrolimab più azacitidina, inclusi 39 pazienti con SMD ad alto rischio non trattati in precedenza e 29 pazienti con LMA non trattati in precedenza. Dei 33 pazienti con SMD valutabili per efficacia, il 91% (n=30/33) ha ottenuto una risposta obiettiva (valutazioni di risposta secondo i criteri IWG MDS del 2006), ivi incluso il 42% (n=14/33) con una risposta completa (CR, complete response). Inoltre, le risposte a magrolimab e azacitidina si sono intensificate nel corso del tempo, poiché a un follow-up di almeno sei mesi il tasso di CR nei pazienti con SMD era del 56%.

Nella LMA, il 64% (n=16/25) dei pazienti valutabili per efficacia ha ottenuto una risposta obiettiva (valutazioni di risposta secondo i criteri AML ELN del 2017), incluso il 56% (n=14/25) con CR o con CR con recupero ematologico incompleto (CRi). In particolare, nella LMA con mutazione TP53 (n=12) – una popolazione refrattaria al trattamento e con prognosi sfavorevole – il 75% dei pazienti ha ottenuto una CR o una CRi.

La durata mediana della risposta e la sopravvivenza globale mediana non sono state ancora raggiunte nella SMD, nella LMA o nella LMA con mutazione TP53, a un follow-up mediano rispettivamente pari a 5,8 mesi (range: 2,0-15,0), 9,4 mesi (range: 1,9-16,9) e 8,8 mesi (range: 1,9-16,9).

Il profilo di sicurezza della combinazione di magrolimab più azacitidina è stato generalmente coerente con i report precedenti, senza che venisse raggiunta la dose massima tollerata. Gli eventi avversi (EA) comuni di ogni grado correlati al trattamento tra i 68 pazienti con SMD o LMA sono stati anemia (38%), affaticamento (21%), neutropenia (19%), trombocitopenia (18%) e reazione all’infusione (16%).

Neutropenia febbrile correlata al trattamento si è verificata nell’1,5% dei pazienti. Solo un paziente (1,5%) ha interrotto lo studio a causa di un EA correlato al trattamento. “Troviamo incoraggianti i dati relativi ai tassi di risposta osservati con magrolimab e azacitidina nei pazienti con SMD ad alto rischio in prima linea di trattamento e con LMA”, ha affermato David Sallman, MD, dell’H. Lee Moffitt Cancer Center and Research Institute, uno degli investigatori della sperimentazione clinica. “Notevoli sono le risposte registrate per alcuni dei pazienti più difficili da trattare, inclusi i pazienti con LMA con mutazione TP53. Questa popolazione di pazienti soffre della mancanza di opzioni terapeutiche efficaci. I risultati ottenuti supportano il prosieguo di ulteriori studi su questi pazienti, e forniscono la speranza di un progresso clinico potenzialmente significativo”.

“I risultati presentati al meeting ASCO rafforzano il potenziale clinico dell’inibizione del CD47 con magrolimab nelle neoplasie ematologiche ad alto rischio e difficili da trattare”, ha dichiarato Merdad Parsey, MD, PhD, Chief Medical Officer presso Gilead Sciences. “Siamo, pertanto, impazienti di avviare ulteriori studi sulla SMD e sulla LMA con mutazione TP53, che costituiranno un significativo passo avanti in questo importante percorso nel campo dell’immunoterapia oncologica di ultima generazione”.

Magrolimab è una molecola sperimentale e non è stata approvata in nessun Paese. La sua efficacia e sicurezza non sono state ancora stabilite. Maggiori informazioni sugli studi clinici con magrolimab sono disponibili sul sito www.clinicaltrials.gov (NCT03248479).

La sindrome mielodisplastica (SMD) e la leucemia mieloide acuta (LMA)
Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un tipo di tumore causato dalla presenza nel midollo osseo di cellule ematiche mal formate o disfunzionali.
La leucemia mieloide acuta (LMA) è un tipo di tumore che ha origine nel midollo osseo e può spostarsi rapidamente nel sangue e in altre parti del corpo. La LMA si sviluppa generalmente da cellule che altrimenti si trasformerebbero in globuli bianchi, ma può anche svilupparsi da altri tipi di cellule ematiche. Anche i tumori come la SMD possono evolversi in LMA.

Lo studio clinico di fase Ib
Lo studio di fase Ib – finanziato in parte dal California Institute of Regenerative Medicine (CIRM) – è disegnato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia di magrolimab in associazione con azacitidina in pazienti non trattati con SMD ad alto rischio o con LMA non idonei alla chemioterapia di induzione. Tutti i pazienti dello studio hanno ricevuto una dose di innesco di 1 mg/kg di magrolimab, combinata a un aumento della dose intra-paziente, per mitigare l’anemia on-target. I pazienti sono stati, quindi, trattati con dosaggi completi di azacitidina e con una dose di mantenimento di magrolimab pari a 30 mg/kg una volta alla settimana (QW) o ogni due settimane (Q2W). Sulla base dei dati di farmacocinetica e di occupazione dei recettori CD47 ottenuti dallo studio in corso, il dosaggio Q2W è stato selezionato per ottimizzare la praticità per il paziente. Questo studio – che è tuttora in corso – mira ad arruolare complessivamente fino a 257 pazienti.
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    asco - american society of clinical oncology: le novità di gilead
    Loading...
    in evidenza
    L'Italia ha una nuova bandiera Issata la mascherina chirurgica

    Invia il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it

    L'Italia ha una nuova bandiera
    Issata la mascherina chirurgica

    i più visti
    in vetrina
    #FreeBritney, l’appello dei fan per “liberare" Britney Spears dal padre

    #FreeBritney, l’appello dei fan per “liberare" Britney Spears dal padre


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    ARI(Y)A nuova per Nissan, debuttano logo e crossover coupe’ elettrico

    ARI(Y)A nuova per Nissan, debuttano logo e crossover coupe’ elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.