A- A+
Medicina
Coronavirus, la perdita dell’olfatto è il sintomo prevalente nei malati

Sono molti i nomi che indicano disturbi dell’olfatto e del gusto, dall’anosmia, alla cacosmia, alla fantasmia, all’iposmia, alla disgeusia per finire con la parosmia.

Queste problematiche sono quasi tutte sintomatologie presenti in chi è affetto da Coronavirus. Tutti o quasi sono tra i sintomi più frequenti nei pazienti affetti da Coronavirus. Un recente studio conferma che esiste una relazione tra la gravità di Covid e questi problemi di odore: più leggera è la malattia, peggiore è l'odore. E’ invece una buona notizia che, nella maggior parte dei casi, questo disturbo relativo all’odore scompare nell’arco dei sei mesi.

Un team sanitario ha seguito quasi 3000 pazienti per Covid-19 in 18 ospedali europei. Dalla comparsa dei primi sintomi fino a oltre sei mesi. La stragrande maggioranza erano casi lievi non da ricovero, ma nel campione erano presenti anche un centinaio di casi moderati e quasi trecento tra gravi e critici.

I risultati, pubblicati sul Journal of Internal Medicine, indicano che il 74,2% degli analizzati presentava anosmia o iposmia (perdita dell'olfatto totale o parziale). Questa percentuale pone la disfunzione olfattiva come il sintomo prevalente, davanti ai tipici sintomi respiratori causati dal Coronavirus: tosse, mancanza di respiro o febbre, presenti nel 40-50% dei casi.

Ma la cosa più nuova di questo lavoro è la connessione tra il grado di gravità del Covid e l'entità della distorsione olfattiva. Mentre nei casi lievi, l’anosmia e disturbi similari erano presenti nell'85,9% di essi, né i casi moderati, né quelli gravi né quelli critici superavano il 7%.

“È come un segno naturale di riconoscimento della firma del virus. Quando si controlla la prevalenza della disfunzione olfattiva tra tutti i gruppi rispetto alla gravità, si può vedere che nei pazienti gravi o critici, si verifica solo nel 10% dei casi ", afferma Jerome Lechien, ricercatore dell'Università di Mons (Belgio ) e coautore dello studio.

Un sottocampione dello studio, circa il 10% , è stato sottoposto a un test in cui hanno dovuto annusare 16 bastoncini con odori e intensità differenti. L'obiettivo era quello di avere un test identico per tutti che eliminasse la maggior parte della soggettività. Secondo Lechien, "i pazienti nel questionario tendevano a sovrastimare il loro disturbo olfattivo".

Tra gli anosmici, più della metà aveva anche problemi con il senso del gusto (disgeusia), soprattutto con i quattro aromi di base. Quasi 1.000 dei partecipanti allo studio soffrivano di cacosmia, un'alterazione dell'olfatto che si traduce in un cattivo odore di ciò che una volta aveva un buon odore, come il profumo. Due su dieci soffrivano di fantasmi, cioè la percezione di odori inesistenti, appunto fantasmi.

"Queste alterazioni possono avere una causa fisica o possono essere secondarie ad un'alterazione neurologica", commenta l'otorinolaringoiatra e ricercatore dell'Ospedale Universitario Donostia e coautore dello studio Carlos Miguel Chiesa. Le due principali allucinazioni olfattive, l'elcosmia e la fantasmia, possono verificarsi contemporaneamente. Come spiega Chiesa, "i pazienti che hanno subito un'alterazione dell'olfatto dopo aver sofferto di COVID-19 possono presentare entrambi i sintomi, sia in relazione al processo infiammatorio a livello del bulbo olfattivo sia come parte del processo di recupero nervoso". Ciò potrebbe essere un sintomo della malattia o una prova del processo di guarigione.

Tra le allucinazioni olfattive vi sono la percezione dell'aroma di un profumo come pestilenziale o quella degli odori fantasma.

Il follow-up di tutti questi casi consente di concludere che i problemi di odore si risolvono nella maggior parte di essi. Infatti, entro un mese dalla comparsa come sintomo, più della metà dei pazienti aveva già recuperato l'olfatto. Solo il 4,7% di quelli studiati aveva ancora problemi olfattivi dopo sei mesi.

"Può persistere per settimane, anche mesi, ma la maggior parte dei pazienti sperimenta un miglioramento, che può essere molto lento", confermano i sanitari.

Gli autori della ricerca non hanno studiato perché quelli lievi hanno un odore peggiore di quelli gravi, ma citano nelle loro conclusioni un'ipotesi già sollevata in lavori precedenti. In molti di questi primi casi, la mitezza è dovuta al fatto che il virus non passa dal naso, il Coronavirus è innescato, per così dire, con la mucosa nasale, in particolare quella olfattiva. Potrebbe infine esserci un'altra possibilità : che i malati seri e quelli critici non fossero in grado di valutare l’odore.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscovid-19pazientiolfattosintomi
    Loading...
    in evidenza
    Alla Cultura l'esperta di burlesque Roma, ironia web su nuova giunta

    "Siffredi ministro quando?"

    Alla Cultura l'esperta di burlesque
    Roma, ironia web su nuova giunta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...

    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Porsche presenta la Taycan 100% elettrica con trazione posteriore

    Porsche presenta la Taycan 100% elettrica con trazione posteriore


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.