A- A+
Medicina
Covid,19, la quarta ondata e le sei domande più frequenti

Covid-19, la quarta ondata e le domande più frequenti 

Tutti avevano scacciato il pensiero per mesi ma la realtà sta superando anche il pessimismo più cupo. Siamo entrati, a tutti gli effetti, nella quarta ondata di Coronavirus. Certamente differente rispetto alle prime tre quando si attendevano i vaccini o la copertura degli stessi, ma la preoccupazione rimane alta in tutti i Governi. E’ inutile negarlo i no vax rappresentano un problema ed allora si sta cercando di limitare i contatti o di costringerli alla vaccinazione. E’ ormai assodato che i vaccini contro il Covid prevengono il ricovero e il decesso in oltre il 90% dei casi, ma non evitano il contagio e la trasmissione del virus. Ecco perché è facile ipotizzare che persone vaccinate vengano infettate da SARS-CoV-2 e possano trasmetterlo ad altre persone, anche se sono state anche loro vaccinate.

Covid-19, la quarta ondata e le domande più frequenti

In un oceano di verità e fake news, dispensate in egual misura ogni giorno da medici di valore e da totali ignoranti della materia scientifica, alcune domande sorgono spontanee, domande che meritano risposte abbastanza precise. Risposte che la stragrande maggioranza dei sanitari giudicano accettabili. I vaccini prevengono l'infezione? Sì, anche se ancora non si sa quanto. Purtroppo questo problema non poteva essere studiato appieno nei primi studi clinici sull'efficacia dei vaccini. Si è dovuto attendere le vaccinazioni reali in numeri importanti. Su questo tema uno studio pubblicato ad aprile scorso e supportato dalla partecipazione di oltre 4000 medici e operatori sanitari negli Stati Uniti ha mostrato che i vaccini a RNA messaggero, quelli per intenderci di Pfizer e Moderna, coprono dall’infezione per il 90%. Altri studi effettuati quando la variante Delta era molto diffusa, hanno visto una diminuzione di efficacia contro l'infezione del 51% per Pfizer e del 73% per Moderna.

Covid-19,la quarta ondata e le domande più frequenti

Si puo’ prendere il Covid se si è vaccinati? L'efficacia dei vaccini non è al 100%, quindi ci si puo’ sempre contagiare. Però la stragrande maggioranza dei malati gravi di Covid degli ultimi mesi non è stata vaccinata. Aver ricevuto il vaccino moltiplica per 10 la protezione contro il virus. Quale percentuale di vaccinati si ammala gravemente? È molto difficile stabilirlo e dipende dalla situazione in ogni paese. In ogni caso, è una percentuale molto bassa. Negli Stati Uniti il ​​tasso di contagi tra i vaccinati è compreso tra lo 0,01% e lo 0,54%, secondo la Kaiser Foundation. Il tasso di ospedalizzazione o decesso è rispettivamente dello 0,06% e dello 0,01%. Questa incidenza è simile a quella in Israele (0,02%).

Covid-19,la quarta ondata e le domande più frequenti

Ci vorrà una terza dose per tutti? Per ora, non ci sono dati a sostegno di una terza dose per le persone sane di età inferiore agli 80 anni. I casi gravi tra quelli vaccinati si verificano solo in pazienti con malattie pregresse e in quelli di età superiore agli 80 anni. Non è chiaro il motivo, ma parte della spiegazione è dovuta all'invecchiamento del sistema immunitario e perché questo gruppo di popolazione è anche quello con il maggior numero di malattie. Questo è il gruppo che dovrebbe ricevere la terza dose. Per ora, non ci sono dati affidabili necessari per nessun altro. Si può prevenire la trasmissione del virus con i vaccini? Solo con i vaccini disponibili, no. Ma se ad esse si aggiungono misure di prevenzione di base come igiene, mascherina e distanziamento se necessario, la trasmissione diminuisce notevolmente. Il semplice utilizzo della mascherina obbligatoria riduce l'incidenza del Covid di oltre il 50%, secondo uno studio su 200 paesi.

Covid-19, la quarta ondata e le domande più frequenti

Ecco perché paesi come l'Austria o la Germania stanno assistendo a un aumento così forte di casi. In questi Paesi ci sono meno persone vaccinate e hanno allentato le misure di protezione di base. Cosa accadrà al Coronavirus? A gennaio di quest'anno, un gruppo di esperti in evoluzione virale ha predetto che tra uno e 10 anni il Covid si sarebbe trasformato in un'infezione asintomatica o, al massimo, in un lieve raffreddore. Naturalmente, il virus SARS-CoV-2 non scomparirà mai. Come molte altre infezioni, inclusa l'influenza, ci saranno casi occasionali di grave infezione in persone vulnerabili e alcuni decessi saranno inevitabili, ma in generale la popolazione sarà protetta da vaccini e misure igieniche. Può emergere una nuova variante più letale? È possibile, ma improbabile. Fino ad ora, tutte le versioni del virus che sono diventate dominanti sono state le più trasmissibili, britanniche o delta, e non quelle che meglio sfuggivano al sistema immunitario e, quindi, potevano aggravare la malattia, come la brasiliana o la sudafricana.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscovid-19infezioniisraeleno vaxusavaccini
    in evidenza
    In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

    Coppa Italia, Roma-Lecce

    In gol Arturo Calabresi
    È il figlio del Biascica di Boris

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.