A- A+
Medicina
Demenza: una scansione di cinque minuti può predire il declino cognitivo

RISCHIO DEMENZA: SCANZIONE DI 5 MINUTI PREDICE IL RISCHIO DECLINO COGNITIVO

Un team internazionale di esperti, guidato dallo University College London (UCL) ha utilizzato uno scanner a ultrasuoni per esaminare i vasi sanguigni nel collo in 3.191 persone  nel 2002 e, nei successivi 15 anni, hanno monitorati la memoria dei partecipanti e la capacità di risolvere i problemi. Il team di scienziati ha scoperto che quelli con impulsi più intensi hanno sperimentato un declino cognitivo maggiore nel decennio successivo rispetto agli altri partecipanti allo studio. I ricercatori sperano che possa offrire un nuovo modo di prevedere il rischio demenza. Il declino cognitivo è spesso uno dei primi segni di demenza, ma non tutti coloro che lo sperimentano andranno a sviluppare la condizione.

DEMENZA: SCANZIONE DI 5 MINUTI PREDICE IL RISCHIO DECLINO COGNITIVO

I ricercatori hanno affermato che il test potrebbe fornire un nuovo modo per identificare le persone a rischio di sviluppare demenza, suggerendo così trattamenti e interventi sullo stile di vita.

Il controllo della pressione sanguigna e del colesterolo, una dieta salutare, fare esercizio fisico regolare e non fumare possono contribuire a prevenire la demenza, suggeriscono le prove.

Il dott. Scott Chiesa, dell'UCL, ha dichiarato: "La demenza è il risultato finale di decenni di danni, quindi quando la demenza si manifesta è troppo tardi per fare qualsiasi cosa.

"Quello che stiamo cercando di dire è che devi prima possibile identificare un modo per vedere chi sta effettivamente progredendo verso la possibilità di essere affetto demenza e prendere in mano la situazione".

RISCHIO DEMENZA: SCANZIONE DI 5 MINUTI AIUTA A PREVENIRE IL DECLINO COGNITIVO

Tuttavia, lo studio, cofinanziato dalla British Heart Foundation, non contiene dati sui partecipanti allo studio che hanno sviluppato la demenza.

I ricercatori hanno in programma di utilizzare le scansioni MRI per verificare se le persone nello studio mostrano anche cambiamenti strutturali e funzionali all'interno del cervello che potrebbero spiegare il loro declino cognitivo.

Vogliono anche verificare se la scansione migliora i punteggi di rischio predittivo per la demenza già presente.

La dott.ssa Carol Routledge, direttrice della ricerca dell'Alzheimer's Research UK, ha affermato che non è ancora chiaro se la scansione possa migliorare la diagnosi di demenza.

Ha aggiunto: "Quello che sappiamo è che l'apporto di sangue nel cervello è incredibilmente importante, e che mantenere un cuore sano e la pressione sanguigna è associato a un minor rischio di sviluppare demenza".

Lo studio è stato presentato alla conferenza AHA Scientific Sessions di Chicago.


 

Commenti
    Tags:
    demenzarischio demenzadeclino cognitivo
    in evidenza
    Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

    Meteo

    Arriva l'aria polare dalla Svezia
    Fine maggio brividi. Previsioni

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

    Scatti d'Affari
    SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


    casa, immobiliare
    motori
    DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

    DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.