A- A+
Medicina
Fibrillazione atriale: innovativo intervento del Santa Maria Nuova di Firenze

Fibrillazione atriale, il nuovo intervento di ablazione deonominato alcolizzazione della vena di Marshall è stato eseguito per la prima volta dal reparto di elettrofisiologia del Santa Maria Nuova di Firenze

La fibrillazione atriale è la forma di aritmia più frequente e si contraddistingue dal sovvertimento della normale attività elettrica del cuore che porta al battito cardiaco irregolare, con con conseguento aumento del rischio di scompenso cardiaco e di morte. Il reparto di elettrofisiologia dell'ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze, coordinato dal dottor Andrea Giomi, ha sviluppato una nuova tecnica di ablazione chiamanta "alcolizzazione della vena di Marshall" e ha eseguito con successo il primo intervento.

"Tale intervento - ha spiegato il dottor Massimo Milli, direttore della struttura complessa Cardiologia Firenze 1 - consiste nella somministrazione selettiva all'interno di una vena cardiaca di alcol etilico al fine di disattivare elettricamente una porzione di tessuto miocardico atriale implicato nella genesi e mantenimento dell'aritmia. Questa procedura, eseguita per la prima volta in un ospedale fiorentino, va ad affiancare e migliorare il trattamento ablativo standard della fibrillazione atriale".

Fibrillazione atriale, i dettagli sulla nuova tecnica per curarla

L'intervento concluso con successo dai medici fiorentini per la cura della fibrillazione atriale va ad agire sulla vena di Marshall, un piccolo collaterale venoso che si trova sulla superficie posteriore dell'atrio sinistro. L'alcolizzazione retrogada di questo vaso crea una sorta di ablazione chimica in una zona dell'atrio sinistro chiamata "istmo mitralico" e considerata un importante snodo elettrico. Bloccare tale area del cuore garantisce una protezione maggiore contro i fenomeni di fibrillazione atriale

E' noto che la terapia ablativa è superiore a quella farmacologica nel controllo delle recidive aritmiche. Le tecniche tradizionali permettono all'80% dei pazienti con forme parossistiche di aritmia di avere un ritmo cardiaco normale a un anno dall'ablazione. Alcuni soggetti sviluppano però forme persistenti e per questi, data la minore efficacia delle tecniche tradizionali, il nuovo intervento nato a Firenze può rivelarsi una soluzione migliore.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    fibrillazione atrialemedicinasalute




    in evidenza
    Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

    Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

    Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

    
    in vetrina
    John Travolta is back dopo Sanremo: lo spot U-Power con Diletta Leotta

    John Travolta is back dopo Sanremo: lo spot U-Power con Diletta Leotta


    motori
    McLaren Artura Spider 2025: innovazione e prestazioni per la supercar ibrida

    McLaren Artura Spider 2025: innovazione e prestazioni per la supercar ibrida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.