A- A+
Medicina
Giornata del tumore al seno metastatico: la guaribilità sale al 20%
Prevenzione del tumore al seno

Tumore al seno: cresce dal 4,1% degli Anni 70 al 20% la guaribilità del carcinoma mammario metastatico

Dalla cronicizzazione alla guaribilità della malattia. Anche il tumore del seno metastatico è sempre più curabile: si allunga la sopravvivenza, si riduce il tasso di mortalità, aumenta per alcuni sottogruppi di tumore la frazione di guarigione, cioè la percentuale di donne che superano la malattia, passata dal 4.1% del 1975 a quasi l’attuale 20%. Un importante avanzamento confermato anche da una recente pubblicazione sull’International Journal of Cancer che riporta i dati del registro americano SEER su incidenza e mortalità dei tumori negli Stati Uniti in sensibile miglioramento: ipotizzabile un andamento speculare anche in contesti europei, Italia compresa.

Traguardi resi possibili oggi da una pluralità di fattori: anticipazione diagnostica, grazie a esami di imaging sempre più accurati, profilazione del tumore da un punto di vista biologico e molecolare, approccio multidisciplinare alla malattia, dialogo sempre più stretto fra anatomopatologo e clinico, informazioni che si traducono nella scelta di terapie di sempre maggiore ‘precisione’, dunque di maggiore efficacia.

Generalmente migliorata la curabilità della gran parte dei tumori del seno, i maggior benefici in termini di frazione di guaribilità, si registrano soprattutto per i tumori del seno HER2+ e per i tumori con espressione dei recettori ormonali. Restano di più difficile cura i tumori del seno triplo negativo, i più aggressivi, sebbene in caso di malattia mutata per il gene BRCA oggi, rispetto alla sola chemio del passato, si disponga di terapia mirate, quali i PARP inibitori e i nuovissimi farmaci ADC (Antibody Drug Comiugate), super intelligenti. Sono alcuni punti affrontati nel Simposio "2022 Carcinoma mammario metastatico: quali novità", promosso da ROPI, in corso oggi a Roma in occasione della Giornata Nazionale del tumore mammario metastatico.

Tumore al seno: "Per la guaribilità è fondamentale il cross-talk tra gli specialisti"

"Circa 37.000 donne in Italia vengono curate per un carcinoma mammario metastatico – spiega Stefania Gori, Direttore del Dipartimento Oncologico IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar di Valpolicella e Presidente Rete Oncologica Pazienti Italia (ROPI) –. All’interno di questa malattia sono oggi identificabili diversi sottogruppi di malattia con caratteristiche molecolari differenti (malattia HER2-low, malattia HER2-positiva, malattia triplo-negativa e malattia con recettori ormonali positivi/HER2-negativa, malattia insorta in donne portatrici di mutazioni dei geni BRCA1/2). Le indicazioni terapeutiche sono differenti in ogni sottogruppo e quindi ad ogni singola paziente verrà prescritto il trattamento più adeguato. È pertanto necessario al momento della ricomparsa della malattia effettuare, se possibile, una biopsia per avere informazioni istologiche e molecolari che permettano una terapia efficace; effettuare una valutazione dell’estensione della malattia metastatica per valutare eventuale altri trattamenti antitumorali (radioterapia, per esempio) e eventuali terapie mirate alle metastasi ossee, se presenti; valutare l’eventuale inserimento della paziente in studi clinici".

"Negli ultimi anni si è assistito a un’importante evoluzione della classificazione anatomopatologica del tumore del seno – dichiara Giuseppe Perrone, Professore Ordinario e Direttore U.O. Anatomia Patologica, Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Roma – in cui lo studio della malattia al microscopio, utile a definire l’aspetto morfologico del tumore, si affianca alla valutazione dei dosaggi molecolari che interrogano e indagano il comportamento biologico della neoplasia. Questo approccio permette di individuare informazioni genetiche e genomiche del tumore, particolarmente importanti per identificare specifici trattamenti mirati e personalizzati. Da qui l’importanza del cross-talk, cioè del passaggio incrociato di informazioni fra tutte le figure coinvolte nel percorso di cura della paziente con carcinoma mammario (oncologo, anatomopatologo, biologo molecolare, radiologo, radioterapista, chirurgo, ecc.) secondo un approccio multidisciplinare finalizzato alla scelta delle opzioni terapeutiche più opportune. In questo contesto il ruolo dell’anatomopatologo ha subito una radicale evoluzione, da figura puramente laboratoristica con il ruolo di fornire esclusivamente diagnosi di malattia, attualmente fornisce informazioni genomiche al gruppo multidisciplinare per la definizione della migliore scelta terapeutica per ogni singola paziente. Queste informazioni genomiche del tumore, inoltre, si stanno rivelando fondamentali anche per lo sviluppo di farmaci target, a vantaggio soprattutto di innovative terapie per la malattia metastatica".

Tumore al seno: "Quelli di tipo triplo negativo sono ancora difficili da curare ma ci sono nuove terapie mirate come inibitori di PARP e ADC"

"Il progresso scientifico e l’evoluzione all’approccio del carcinoma mammario metastatico – aggiunge Fabio Puglisi, Professore Ordinario di Oncologia medica all’Università degli studi di Udine e direttore del dipartimento di Oncologia Medica all’Istituto Nazionale Tumori IRCCS CRO di Aviano – si sono tradotti nel corso degli anni in un sensibile beneficio in sopravvivenza e in una riduzione della mortalità e ha favorito per alcuni tumori anche l’aumento della frazione di guarigione, passata nel caso del carcinoma mammario metastatico dal solo 4.1% degli anni ’70 all’attuale quasi 20%, come confermano i dati del registro SEER americano che analizza incidenza e mortalità negli Stai Uniti, estrapolabili anche al contesto europeo. A beneficiare dei nuovi approcci terapeutici e delle informazioni di natura biomolecolare sono stati soprattutto i carcinomi HER2+ e quelli con espressione dei recettori ormonali. Di più difficile cura restano i tumori triplo negativi sebbene per alcuni sottogruppi, ad esempio in presenza di mutazione di BRCA, oggi siano disponibili terapie mirate come gli inibitori di PARP. Molto promettente e di recente introduzione per uso clinico è la classe di farmaci noti come ADC (Antibody Drug Conjugates)".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
medicinasalutetumore al seno




in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.