A- A+
Medicina
Google nuovo algoritmo AI prevede le malattie cardiache guardando negli occhi

ALGORITMO DI GOOGLE CHE PREVIENE LE MALATTIE DEL CUORE GUARDANDOTI NEGLI OCCHI


Gli scienziati di Google e di Verily,  la divisione medica di Alphabet, cioe' la holding che ingloba anche l'azienda di Mountain View, hanno scoperto un nuovo modo di valutare il rischio di malattia cardiaca di una persona utilizzando il Machine Learning. Analizzando le scansioni della parte posteriore dell'occhio di un paziente, il software dell'azienda è in grado di dedurre con precisione alcuni dati, tra cui l'età di un individuo, la pressione sanguigna e se fumano o no. Questo può quindi essere usato per prevedere il rischio di subire un evento cardiaco di grave entità - come un infarto - con approssimativamente la stessa accuratezza dei metodi attuali.

L'algoritmo di Google che prevede le malattie cardiache potenzialmente rende più facile e veloce per i medici analizzare il rischio cardiovascolare di un paziente, in quanto non richiede un esame del sangue. Ma il metodo dovrà essere testato più a fondo prima di poter essere utilizzato in ambito clinico. Un articolo che descrive il lavoro è stato pubblicato oggi sulla rivista Nature Biomedical Engineering, sebbene la ricerca sia stata condivisa anche prima della peer review lo scorso settembre.

 

ALGORITMO DI GOOGLE POTREBBE PREVEDERE PIÙ RAPIDAMENTE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

 

Luke Oakden-Rayner, ricercatore medico presso l'Università di Adelaide, specializzata in analisi dell'apprendimento automatico, ha dichiarato a The Verge che il lavoro è stato valido e mostra come l'AI possa contribuire a migliorare gli strumenti diagnostici esistenti.  

Per addestrare l'algoritmo, gli scienziati di Google e Verily hanno utilizzato l'apprendimento automatico per analizzare un set di dati medici di circa 300.000 pazienti e sono stati in gradi di rilevare il paziente malato nel 70% dei casi.

 

GOOGLE SVILUPPA ALGORITMO IA CHE PREVEDE MALATTIE CARDIACHE ANALIZZANDO GLI OCCHI

 
Sebbene l'idea di guardare gli occhi per giudicare la salute del cuore suona inusuale, trae ispirazione da un corpo di ricerche consolidate. La parete interna posteriore dell'occhio (il fondo) è piena zeppa di vasi sanguigni che riflettono la salute generale del corpo. Studiando il loro aspetto con la macchina fotografica e il microscopio, i medici possono dedurre cose come la pressione sanguigna di un individuo, l'età e se fumano o meno, che sono tutti importanti fattori predittivi della salute cardiovascolare.

Alun Hughes, professore di fisiologia cardiovascolare e farmacologia all'UCL di Londra, ha detto che l'approccio di Google sembra credibile grazie alla "metodologia ormai condivisa di osservare la retina per prevedere il rischio cardiovascolare". Ha aggiunto che l'intelligenza artificiale ha il potenziale per accelerare le forme esistenti di analisi cliniche, ma ha avvertito che l'algoritmo avrebbe bisogno di essere testato ulteriormente prima di poter essere considerato attendibile.

 

UN ALGORITMO DI GOOGLE VI ANALIZZA IL CUORE GUARDANDOVI NEGLI OCCHI


Per ora, l'idea di un medico di AI che sforna nuove diagnosi senza la supervisione umana è una prospettiva lontana - molto probabilmente decenni, piuttosto che anni, nel futuro. Ma la ricerca di Google suggerisce che l'idea non è completamente inverosimile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
googlegoogle algoritmogoogle aigoogle algoritmo prevede malattie cardiache
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.