A- A+
Medicina
Graziottin al “Laborest Cocktail Meeting”: "Sonno, guardiano della salute"

Per il suo primo “Laborest Cocktail Meeting”, l'azienda leader del settore della nutraceutica ha scelto l'affascinante location di una terrazza affacciata su Piazza del Duomo, a Milano. Nella città più operosa (e quindi anche stressata) d'Italia, la nota sessuologa e ginecologa Alessandra Graziottin ha affrontato un tema tanto importante quanto sottovalutato: i rischi derivanti dall'alterazione dei corretti ritmi di sonno a veglia.

 

“Qui a Milano – ha detto la direttrice del centro di Ginecologia e Sessuologia Media dell'Ospedale San Raffaele Resnati – soffre di insonnia una fetta della popolazione tra il 20 e il 40%. Si tratta, in numeri assoluti, di oltre 200.000/400.000 persone e, di questi, il 40% rischia di sviluppare una depressione, mentre il rischio legato a disturbi ansiosi è pari al 25%”.

 

Alessandra Graziottin al “Laborest Cocktail Meeting”: la salute delle donne

“Come sapete – ha continuato il popolare volto televisivo – nel mio lavoro mi occupo prevalentemente di donne e anche la tematica del dolore, che è molto importante, è strettamente legata al sonno, che funziona come un analgesico naturale. La vita moderna ci ha portato tanti vantaggi, ma anche diverse brutte abitudini. Infatti, oggi dormiamo in media 1 ora e mezzo in meno, rispetto a 100 anni fa”.

 

I fattori che ci predispongono al rischio di sviluppare problematiche legate al sonno sono diversi:
-umore triste
-depressione conclamata
-sovrappeso o obesità
-fumo
-avere più di 65 anni
-essere sposati (non è uno scherzo: le ricerche dimostrano che i single sono meno esposti a questi problemi).

 

Il problema riguarda anche i giovani e con conseguenze serie. I ragazzi che dormono male sono maggiormente esposti non solo alla depressione, ma anche a tendenze suicide e atti di autolesionismo, nonostante la mancanza di altri fattori scatenanti.

 

L'insonnia è, per tutti, la principale causa di stress. L'elevata produzione di cortisolo legata a queste problematiche sfocia in infiammazioni, che sono il tratto comune di molte malattie, compresi i tumori e altre gravi patologie.

 

Alessandra Graziottin al “Laborest Cocktail Meeting”: il lavoro e la salute
 

Le donne sono maggiormente a rischio, con un'incidenza di un caso e mezzo per ogni caso riguardante uomini. Esistono delle differenze riguardanti lo stile di vita e in particolare l'occupazione lavorativa: le professioni “non tradizionali”, con ritmi irregolari o particolarmente stressanti sono un fattore di rischio, esattamente come accade per chi lavora su turni, con conseguente alterazione dei ritmi circadiani. L'incidenza di queste problematiche è superiore nelle persone dalla bassa scolarità e in categorie come pensionati, casalinghe e disoccupati, nelle quali è frequenti che la perdita del ruolo lavorativo e sociale esponga il soggetto interessato a un forte stress. 

 

“Da donna che si occupa di donne – ha detto Graziottin – sconsiglio sempre di eccedere con quell'atteggiamento multitasking che caratterizza molte di noi. Spesso per stare dietro a tutti gli impegni che ci carichiamo sulle spalle rinunciamo a ore di sonno, ma questo può portare ad alterazioni del sonno, che sono comunque diverse da un sonno percepito come meno soddisfacente. Consiglio sempre di usare un diario, per avere una misurazione oggettiva dei disturbi che vengono presentati”.

 

“La carenza di sonno genera stress e alterazione dei bioritmi endocrini. Pochi ginecologi chiedono alle loro pazienti quanto e come esse dormano, eppure questi problemi possono causare alterazioni del ciclo mestruale, infertilità, una sindrome premestruale più pesante e depressione. Un caso tipico, da questo punto di vista, è quello delle neomamme: se non c'è nessuno che le aiuta a dovere, la carenza di sonno causata dal neonato gioca un ruolo decisivo nell'insorgenza delle depressioni tra le puerpere”.

 

Le alterazioni del sonno hanno serie ripercussioni sulle performance mentali:
-deficit neurocomportamentali
-carenza di working memory (con evidenti ricadute sulla sfera lavorativa)
-cadute di attenzione

 

A questo genere di problematiche si collega il rischio di incidenti fatali, siano essi alla guida, sul lavoro o in ambiente domestico.

 

Alessandra Graziottin al “Laborest Cocktail Meeting”: sonno e problemi di peso
 

“Un aspetto del quale si parla poco è che la sierotonina viene prodotta anche dall'intestino. Dormire poco può causare problemi come ulcera, colite, reflusso gastrico e cancro del colon. C'è un legame diretto anche tra i disturbi del riposo e le alterazioni del peso. Se saltano i ritmi circadiani, ne risente anche la corretta attivazione delle sensazioni di fame: con meno leptina (che determina la sensazione di sazietà) e più ghrelina (che invece dà lo stimolo alla fame per cibi grassi e dolci), si va incontro a problemi come obesità, diabete e alterazione dell'immagine corporea, che colpisce soprattutto in gravidanza. Inoltre, gli attacchi di fame notturni che spesso fanno saltare delle diete dimagranti che durante il giorno funzionano sono legate all'alterazione della melatonina prodotta dall'intestino”.

 

Il fatto che il 35% delle donne incinta russi durante il sonno aumenta il rischio di ipertensione. Una mamma che russa è maggiormente predisposta ad avere figli più piccoli rispetto alla data gestazionale e dall'apgar più basso. “Per questo motivo – suggerisce Graziottin – è fondamentale che i medici chiedano alle loro pazienti incinta di descrivere la qualità e la quantità del loro sonno”.

 

Alessandra Graziottin al “Laborest Cocktail Meeting”: sonno e sesso

“Da sessuologa, di fronte a problemi di calo del desiderio chiedo sempre alle mie pazienti quanto e come dormano, perché è ovvio che chi dorme poco non abba una particolare energia, ma sia, al contrario, più aggressivo, irritabile, ansioso e soggetto a disturbi dell'umore”.

“Sul piano cognitivo, un sonno insufficiente causa disturbi a livello di memoria, concentrazione e autostima. Inoltre, c'è una relazione anche tra la carenza di riposo e il tumore. La melatonina blocca le cellule anarchiche, stimola la risposta immunitaria, neutralizza i radicali liberi e modula la riparazione dei danni del DNA. Per questo motivo, nelle terapie oncologiche adesso viene data come coadiuvante insieme alla chemioterapia”.

“Per tutti questi motivi, vi invito a considerare il sonno come il grande custode della salute”, ha concluso Graziottin. “Nel caso di problemi come quelli descritti, ci si può aiutare con benzodiazepine, colinergici, peptidi e indolamine, ma ai miei pazienti io consiglio sempre anche l'esercizio fisico e una corretta esposizione alla luce intensa del giorno: ci serve per stare svegli di giorno, per poi dormire la notte. Oggi siamo fortemente esposti alle luci artificiali, anche di notte, e questo certamente non ci aiuta a seguire i ritmi naturali dettati dalla rotazione solare. Allo stesso modo, dobbiamo evitare di cenare troppo tardi o di assumere alcool se siamo in menopausa (aumenta le vampate)”.

Parlando della tecnologia bistrato adottata dalle compresse Laborest, la Dott.sa Graziottin ha detto: “Sono particolarmente d'accordo con l'impiego di melatonina fast nella quantità di un mg, che è peraltro quella che, giustamente, il Ministero della Salute ha previsto come massimo possibile. Sostanze come escolzia, valeriana e passiflora sono utilissime perché agiscono sui recettori per i Gabi, esattamente come le benzodiazepine, ma senza causare dipendenza. La fitoterapia, da utilizzare con un ruolo sinergico, è un ottimo complemento”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
graziottin laborest cocktail meeting sonno
in evidenza
Ognissanti, caldo quasi estivo Alta pressione da Nord a Sud

L'inverno è lontano

Ognissanti, caldo quasi estivo
Alta pressione da Nord a Sud

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.