A- A+
Medicina
Hiv: trapianto di organi al via tra pazienti Hiv positivi

TRAPIANTI DI ORGANI: VIA LIBERA ALLA DONAZIONE DI ORGANI TRA PAZIENTI POSITIVI ALLʼHIV

 

Hiv, a breve sarà dato il via libera ai trapianti tra pazienti positivi al virus: “È in corso la pubblicazione in Gazzetta del protocollo che permette la donazione di organi da parte di pazienti Hiv-positivi. Ancora 2 o 3 giorni di attesa e sarà norma. Per la prima volta un provvedimento prende atto di come, data la capacità diagnostica e terapeutica di cui disponiamo, sia possibile prevedere l'utilizzo di donatore Hiv-positivo per ricevente sempre Hiv-positivo, con la previsione di un successo terapeutico". 
Lo ha annunciato il direttore del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa, a margine della terza edizione degli Stati generali della Rete trapiantologica italiana che si stanno svolgendo a Roma. 

 

AL VIA DONAZIONE DI ORGANI TRA PAZIENTI POSITIVI ALL'HIV

 

"L'importanza - spiega - è soprattutto sociale, perché toglie un fattore di discriminazione al soggetto Hiv, ovviamente senza modificare la sicurezza con la quale viene effettuato un trapianto. Il ricevente deve essere necessariamente Hiv-positivo", tiene a precisare il numero uno del Cnt, e "il donatore deve rispondere a determinate condizioni, ovvero deve essere un soggetto seguito che non porta fattori di rischio aggiuntivo. Di fatto - ribadisce - anche per il virus Hiv è ora possibile utilizzare pienamente il donatore con patologia, come già avviene per donatore Hcv". 

 

VIA LIBERA ALLA DONAZIONE DI ORGANI TRA PAZIENTI HIV POSITIVI

 

La 'due giorni' romana è anche l'occasione per presentare la rete dei progetti recentemente approvati, come "i nuovi criteri di autorizzazione dei centri trapianto, che introducono una forte novità, ovvero dicono che l'attività trapiantologica è un programma di trapianto gestito dall'azienda con un direttore del programma nominato dal direttore dell'azienda stessa. 

Inoltre - continua Nanni Costa - è previsto un meccanismo 'hub and spoke' tra gli ospedali della regione che devono mandare pazienti al centro trapianti". 

Ancora, "con il nuovo Piano trapianti la donazione non è più problema della Rianimazione, ma dell'intero ospedale. Nell'ospedale viene costituito un comitato donazioni analogo al comitato per la raccolta sangue. Il piano è stato approvato a gennaio da un accordo Stato-Regioni e sarà implementato nei prossimi mesi". 
"Quanto agli ospedali dove vengono eseguiti i trapianti - precisa il direttore del Cnt - in Italia abbiamo un'attività concentrata in 42 strutture. C'è stato un processo di concentrazione dovuto alla complessità. Questo è un dato positivo. Nel 2017 rispetto al 2015 i trapianti sono cresciuti del 20%, c'è un aumento del 20-30% dei donatori a cuore fermo. Abbiamo un buon livello di donazioni pediatriche, per le quali i tempi di attesa, soprattutto per il fegato sono inferiori grazie allo split. Infine - conclude Nanni Costa - abbiamo poi introdotto nuovi criteri per una autorizzazione specificatamente pediatrica".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
hivtrapianto di organidonazione organi hiv positivi
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.