A- A+
Medicina
I dermatologi italiani chiedono nuove regole per le creme solari

di Lorenzo Zacchetti

E' in corso a Washington il Congresso annuale dell’American Academy of Dermatology, che terminerà il 6 marzo. Tra i temi in discussione la decisione della FDA (Food and Drug Administration), che dopo 30 anni ha cambiato le regole per la protezione della pelle, mettendo al bando sostanze molto comuni come PABA e salicilato di Trolamina.

“Le nuove misure di protezione adottate negli Stati Uniti devono essere di esempio – commenta il dott. Piergiacomo Calzavara Pinton, Presidente della SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse) Come società scientifica attiva nella prevenzione dei tumori della pelle possiamo solo auspicare che anche le autorità europee adeguino la normativa esistente nel vecchio continente per rendere i prodotti più sicuri e il consumatore più consapevole nella scelta e nell’ uso delle lozioni antisolari”. 

PABA e salicilato di Trolamina sono due delle molecole che filtrano la radiazione e negli ultimi 30 anni sono state massicciamente usate nelle creme solari, ma la FDA le considera non sicure e soprattutto non efficaci, al contrario di sostanze ‘tradizionali’ come ossido di zinco e biossido di titanio.

La FDA farà ulteriori approfondimenti per verificare l’assenza di tossicità delle restanti dodici molecole e nel contempo avverte che possono essere definite "antisolari" solo alcuni tipi di sostanze come gel, creme, lozioni, spray, oli, pomate, unguenti, paste e stick, ma non saponi, salviettine, shampoo e formulazioni di altro genere.

Ulteriori indicazioni riguardano la chiarezza delle etichette con le informazioni sul prodotto: devono essere indicati i filtri solari contenuti nelle creme, l’SPF, ossia la protezione da UVB, la protezione da UVA e l’indice di resistenza all’acqua. Inoltre deve essere chiaramente specificato che i solari non proteggono dal tumore della pelle se non correttamente usati e associati ad adeguate misure di comportamento al sole.

In vendita inoltre non possono circolare sotto l’etichetta di antisolari quei prodotti associati a repellenti per gli insetti. La FDA infine pone a 60 il valore massimo di SPF che si può indicare sulla confezione dei solari e chiarisce che tutti i prodotti che hanno SPF devono offrire anche una protezione valida da UVA, che deve aumentare al crescere dell’SPF.

Commenti
    Tags:
    dermatologicreme solariamerican academy of dermatology
    in evidenza
    Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

    Le mosse del Milan campione

    Berardi ciliegina dello scudetto
    Leao deve 20 mln allo Sporting

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.