A- A+
Medicina
Infiammazione male del secolo: l’infiammazione è alla base di molte malattie

Infiammazione e ''genesi'' delle malattie. Ricerche su connessione segreta

 

“L’infiammazione può compromettere la salute ed è fra i meccanismi principali di una serie interminabile e variegata di malattie”. È questo quanto riporta un articolo uscito sul Corriere della Sera che evidenzia appunto come l’infiammazione non sia più vista solo come un evento della nostra salute da spegnere attraverso farmaci vari, ma come l’infiammazione sia presente all’interno di molteplici patologie anche gravi, tanto che oggi vengono allestiti dipartimenti specifici per studiare e curare l’infiammazione in tutti i suoi aspetti.

 

Infiammazione male del secolo: infiammazione e obesità

 

Spiega sul Corriere della Sera Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Irccs Humanitas di Rozzano (Mi) e docente dell’Humanitas University: 

“Patologie diverse fra loro come infarto, cancro, obesità, diabete, malattie neurodegenerative condividono meccanismi infiammatori. Nell’obesità, per esempio, la sovrabbondanza di tessuto adiposo invia segnali che disorientano i macrofagi, cellule che di norma orchestrano le funzioni del grasso corporeo e che con l’eccesso di peso iniziano invece a produrre molecole pro-infiammatorie, che sono alla base delle conseguenze negative dei tanti chili di troppo, tumori compresi. Si tratta di un’infiammazione “a combustione lenta”, di cui non è immediato riconoscere la presenza”.

 

Infiammazione male del secolo: infiammazione e infarto

 

E prosegue Francesco Prati, presidente del Centro per la Lotta contro l’Infarto – Fondazione Onlus:


L’infiammazione è un fuoco subdolo ma pericoloso perché «in presenza di infiammazione è più probabile che le placche aterosclerotiche si rompano provocando un infarto, inoltre le placche più “cattive” contengono una quantità maggiore di cellule infiammatorie. Il colesterolo alto è uno dei fattori che più incrementa il livello di infiammazione generale nei vasi, per cui una prima mossa preventiva è cercare di tenerlo basso con uno stile di vita sano, fatto di dieta equilibrata e movimento regolare; non ha invece funzionato la valutazione della concentrazione di proteina C-reattiva circolante per capire il grado di rischio cardiovascolare, perché si tratta di un marcatore di infiammazione poco specifico».

 

Infiammazione male del secolo: infiammazione cause

 

Sulle cause dell’infiammazione così osserva Sandro Ardizzone, responsabile della gastroenterologia all’Asst Fatebenefratelli – Sacco di Milano.

«Le ragioni dell’infiammazione sono tante. In parte conta lo stile di vita occidentale che, per esempio, riduce il contatto con i germi durante l’infanzia non consentendo al sistema immunitario di svilupparsi e modulare le sue risposte in modo corretto, facilitando perciò la comparsa di reazioni infiammatorie esagerate o improprie; un ruolo lo gioca poi il microbiota, ovvero i germi che vivono nel nostro intestino. In questo organo il contatto con elementi che arrivano dall’esterno è continuo e ciò provoca una reazione infiammatoria che di solito è controllata e localizzata; in alcune persone, per motivi non ancora chiari, la risposta diventa esagerata, cronica e quindi patologica».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
infiammazioneinfiammazione male del secolo
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari

16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.