A- A+
Medicina
Meningite, grave bimbo a Firenze. Allarme meningite anche a Piazza Armerina

Meningite: bambino di 4 anni in rianimazione a Firenze

Il laboratorio d'immunologia dell'ospedale Meyer di Firenze ha confermato la diagnosi di sepsi da meningococco di tipo C per un bambino di quattro anni. Il piccolo si trova attualmente ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale pediatrico di Firenze, dove e' arrivato in elisoccorso proveniente dall'ospedale Cisanello di Pisa. Secondo il personale del Meyer, la prognosi e' riservata e le condizioni del bambino sono gravi. In una nota l'ospedale fa sapere che sono in corso accertamenti per appurare lo stato vaccinale del bimbo e per valutarne le preesistenti condizioni immunologiche. Secondo la documentazione sarebbe emersa una vaccinazione effettuata nel 2013. Il servizio d'igiene e sanita' pubblica sta contattando tutti coloro che potenzialmente possono essere entrati recentemente in contatto con il bambino. Tra questi, tutti coloro bambini e famiglie - che frequentano la scuola materna il 'Panda' di Cascina, in provincia di Pisa, dove e' iscritto anche il bambino ricoverato. .

Meningite: accertato caso a Piazza Armerina

Un caso di meningite virale accertato a Piazza Armerina (Enna). Si tratta di un trentatreenne che venerdi' si e' presentato all'ospedale "Chiello", con forte cefalea e rigidita' muscolare. L'uomo, sottoposto agli accertamenti che hanno confermato i sospetti dei sanitari, e' stato cosi' trasferito al reparto di malattie infettive dell'ospedale Umberto I di Enna. I familiari del trentatreenne, tutto il personale medico e paramedico e quanti si trovavano al pronto soccorso e nell'astanteria dell'ospedale Chiello sono stati sottoposti alla profilassi. In tutto si tratta di circa 50 persone entrate in contatto con l'uomo, ma sono in corso gli accertamenti per risalire alla possibile fonte di contagio del giovane, le cui condizioni sono definite serie.

Meningite a Piazza Armerina,profilassi per 50

Ha risposto alla terapia con antibiotici e antiedemigeni, il 34enne di Piazza Armerina (Enna), colpito da meningite e ricoverato nel reparto di malattie infettive dell'ospedale Umberto I di Enna. La patologia e' stata accertata dal prelievo del liquor, effettuato con una puntura lombare, gia' venerdi', quando l'uomo, che e' sposato e parte di due bambini, si e' presentato al Pronto soccorso dell'ospedale della sua citta', con forte emicrania, febbre e disorientamento. La risposta positiva del paziente alla terapia antibiotica ha fatto escludere che si tratti della forma virale da meningococco, molto piu' virulenta e spesso letale. 

Meningite, studentesse Milano uccise da stesso batterio

"Possiamo dire che le due studentesse di Milano morte per meningite al 99,9% sono state uccise dallo stesso batterio, che appartiene a un sierogruppo molto diffuso in Italia". Lo afferma il presidente dell'Istituto Superiore di Sanita', Walter Ricciardi, riferendosi al caso delle due studentesse della Statale, morte per meningite nel giro di quattro mesi. "Non e' stato possibile l'isolamento del germe non avendo a disposizione il ceppo batterico ma solo il campione di sangue - spiega Ricciardi -. Si puo' comunque affermare che l'ultimo caso di Milano e' stato causato da meningococco dello stesso genotipo di quello di luglio, anche se non e' possiboe fornire dati di identita' molecolare non potendo fare una tecnica che si chiama sequenzimaneto completo del genoma". .

Meningite e vaccini: Racca (Federfarma), prevenzione riportandoli in farmacia

"Dobbiamo fare di piu' per la prevenzione, lo abbiamo detto sia a livello nazionale sia a livello regionale. Oggi per fare un vaccino, come ad esempio quello influenzale, bisogna recarsi nelle Ats o nelle Asl. Se invece riuscissimo a riportarli nelle farmacie la prevenzione sarebbe piu' capillare perche' sono luoghi piu' vicini alla gente e al territorio". Lo ha detto Annarosa Racca, presidente nazionale di Federfarma a margine di un incontro che si e' tenuto questa mattina a Milano per lanciare nuovi contributi delle farmacie alla prevenzione di malattie come il melanoma e la dipendenza da tabacco. Dopo gli episodi di meningite registrati di recente in Lombardia, Racca ha sottolineato "lo sforzo che le farmacie fanno ogni giorno per riparare i danni della cattiva informazione che viaggia su internet. Lo ribadiamo: i bambini vanno vaccinati, cosi' come gli anziani devono proteggersi dall'influenza. L'appello e' quello di rivolgersi sempre a chi ha fatto della cultura scientifica la propria vita, quindi i medici e i farmacisti". 

Tags:
meningite bambino firenzemeningite firenzemeningite piazza armerina
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.