A- A+
Medicina
Plastica al seno: attenzione, questo tipo può causare un tumore raro

PROTESI AL SENO PERICOLOSE: POSSONO PROVOCARE UN TUMORE RARO

Un tipo di protesi mammaria utilizzata da milioni di donne in tutto il mondo è sotto scrutinio dopo che i chirurghi francesi sono stati invitati a smettere di usarla a causa di un potenziale legame con un raro tipo di cancro.

Le protesi mammarie strutturate (le protesi mammarie strutturate sviluppano tessuto cicatriziale che aderisce all'impianto, rendendole meno propense a muoversi all'interno del seno e riposizionarsi) sono state collegate al linfoma anaplastico a grandi cellule (ALCL), che si forma nella capsula cicatriziale attorno all'impianto al seno e normalmente inizia con dolore e gonfiore al seno.

Le donne che hanno rimosso gli impianti al seno possono recuperare completamente, ma se non trattate la malattia può diffondersi in tutto il corpo e diventare pericolosa per la vita.

IMPIANTO AL SENO: ALCUNE PROTESI MAMMARIE POTREBBERO METTERE A RISCHIO TUMORE RARO

 
Plastica al seno pericolosa: come riporta il The Guardian, cresce la preoccupazione per gli effetti delle protesi al seno, i dati raccolti dai chirurghi plastici suggeriscono che ci sono stati almeno 615 casi di malattia associata a protesi mammarie e 16 decessi.

In Francia, , dove l'85% delle protesi mammarie utilizzate nelle donne è strutturato, l’ANSM ha raccomandato ai chirurghi di passare a impianti al seno lisci.

Nel Regno Unito, dove la maggior parte degli impianti al seno utilizzati sono strutturati, ci sono stati 45 casi confermati di linfoma che sono stati collegati proprio a questi interventi di plastica al seno. L'autorità sanitaria stima il rischio in una donna su 24.000 con impianti al seno.

Negli Stati Uniti sono stati confermati 252 casi di tumore raro legato alle protesi al seno, ma gli esperti ritengono che la cifra reale sia da 800 a 1.000, con molti casi ancora non diagnosticati.
L'autorità sanitaria australiana, la Therapeutic Goods Administration, ha segnalato 72 casi e ha affermato che "l'opinione degli esperti pone il rischio di ALCL tra 1 su 1.000 e 1 su 10.000".

La prima relazione di un collegamento tra il tumore raro e gli interventi di plastica al seno è stata presentata nel 1997 e l'autorità di regolamentazione del Regno Unito, la Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA (MHRA), ha lanciato una segnalazione nel 2011 dopo le segnalazioni di casi in altri paesi.

"L'ALCL è un tumore raro, ma è importante per gli operatori sanitari e per i pazienti che hanno impianti sapere cosa possano comportare", ha detto l'ultimo aggiornamento del regolatore.
Tuttavia, diverse donne che hanno ricevuto protesi strutturate dopo il primo allarme nel 2011 hanno detto di non essere state informate del rischio.

Commenti
    Tags:
    plastica al senoprotesi al senotumore raroimpianto al senoprotesi al seno testurizzate
    in evidenza
    "Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

    Elettra Lamborghini ad Affari

    "Rido con Zalone, amo gli horror
    Only Fun? Sarà sorprendente..."

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

    Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.