A- A+
Medicina
Powassan, virus letale trasmesso dalle zecche. POWASSAN, VIRUS ZECCHE MORTALI

Powassan, virus letale trasmesso dalle zecche. POWASSAN, VIRUS ZECCHE MORTALI

 

L'estate è quasi alle porte e l’avvicinarsi del caldo mette in allerta i medici americani riguardo a una malattia rara conosciuta come "Powassan". Questo virus potenzialmente letale viene trasportato e trasmesso da tre tipi di zecche, tra le quali quelle del cervo nelle quali sono state già rilevate concentrazioni importanti del virus responsabile della malattia di Lyme.

Negli ultimi dieci anni, sono stati riscontrati 75 casi da virus Powassan concentrati prevalentemente negli stati del Nord-Est  e nella regione dei Grandi Laghi, secondo i centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Anche se nessuno può dire quante infezioni si verificheranno quest'anno, gli inverni più caldi hanno portato ad un aumento delle zecche, per cui gli esperti prevedono un conseguente aumento di infezioni di vari tipi.

Gli scienziati ritengono inoltre che il virus Powassan è in aumento sulla base di studi che hanno individuato un numero crescente di infezioni nel cervo. Questo, purtroppo significa che dovremmo aspettarci un aumento dell'incidenza di malattie sugli esseri umani nei prossimi anni.

 

Allarme Powassan, il virus letale trasmesso dalle zecche: il 15% dei pazienti infetti muore

 

Tutti sono a rischio per Powassan: i neonati, i 20 anni, gli anziani, gli anziani e gli immunocompromessi. Chiunque è morso da un ticchetto infetto può farlo, ha detto il dottor Jennifer Lyons, capo della divisione delle malattie neurologiche al Brigham and Women's Hspital di Harvard. Le infezioni sono più probabili durante la tarda primavera, e durante l’estate, quando le zecche sono più attive. "Circa il 15% dei pazienti infetti e sintomatico non sopravvivrà", ha affermato la dottoressa Lyons, "Dai superstiti, almeno il 50% avrà danni neurologici a lungo termine che non risolverà". 

Il virus di Powassan è stato scoperto per la prima volta in Ontario nel 1958 su un bambino della città di Powassan, da lì il nome del virus.

 

Allarme Powassan: sintomi come l’influenza

 

“Anche se la maggior parte delle persone infette non mostrerà mai sintomi, coloro che si ammalano di solito manifestano il contagio dopo circa due giorni dal morso della zecca – prosegue la Lyons. I sintomi più comuni del virus Powassan sono febbre e mal di testa, gli stessi sintomi di una comune influenza”.

Per i pochi sfortunati che sviluppano la malattia in maniera più grave i sintomi del virus Powassan possono essere: crisi epilettiche, incapacità di respirare da soli. 

 

Allarme Powassan, un nuovo virus trasmesso dalle zecche: cura e prevenzione

 

Purtroppo, proprio come non ci sono vaccini per prevenire l'infezione, non ci sono trattamenti per il virus Powassan.

"Ci sono alcune terapie sperimentali che proviamo quando qualcuno viene ricoverato in tempo ed abbiamo modo di iniziare la terapia molto presto, ma non abbiamo idea se una di queste funzioni", ha detto Lyons.

La cosa migliore dunque è prevenire, ovvero, quando ci si reca all’aperto in luoghi dove è possibile che le zecche prolifichino indossare maniche lunghe e pantaloni, usare repellenti per insetti e controllare la presenza di zecche sul corpo..

Iscriviti alla newsletter
Tags:
powassanvirus zecchepowassan virus zecche
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.