A- A+
Medicina
Sepsi, l’infezione che conta 60mila morti in Italia ogni anno
SCHIAFFO 2 - L'infermiere del pronto soccorso di Chiari. Non solo Brescia. Ha fatto il giro d'Italia il video di questo signore che gioca al computer invece di rispondere al telefono. Un danno incredibile a tantissimi operatori sanitari che ogni giorno fanno il loro lavoro con passione e dedizione. Speriamo gli insegnino a stare al mondo.

Sepsi, un'infezione che colpisce circa 20-30 milioni di persone al mondo

 

La sepsi, conseguenza di una grave risposta dell'organismo a un'infezione che danneggia tessuti e organi, colpisce 20-30 milioni di persone nel mondo, 250mila casi solo in Italia, di cui 1 su 4 non sopravvive, per un totale di 60mila morti l'anno. 

"I tassi di ospedalizzazione per sepsi hanno ormai superato l'incidenza di infarto miocardico. La diagnostica, migliorando la rapidità e l'accuratezza dei risultati e dunque ottimizzando la terapia antibiotica, può dare un contributo importante per scongiurare un aumento della mortalita' associata alla malattia- ha dichiarato Maria Pia Ruggieri, Presidente Simeu, Società Italiana di Medicina di Emergenza ed Urgenza - Il successo dipende dal coordinamento tra pronto soccorso, Medicina d'Urgenza e terapia semintensiva e intensiva. Gli ospedali giocano un ruolo fondamentale nel ridurre il trend della resistenza e preservare l’utilità degli antibiotici per i pazienti del futuro".

"La sepsi è una delle cause principali di arrivo al pronto soccorso in codice giallo e codice rosso. Quasi tutti i pazienti afferiscono alla Medicina Interna, che rappresenta il primo reparto di ricovero, con una percentuale di pazienti settici sul totale dei ricoverati intorno al 4-5%. Abbiamo a che fare con un'infezione sistemica, dall'esito spesso infausto, che va aggredita immediatamente- ha affermato Dario Manfellotto, Presidente eletto Fadoi, Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti'. 'Elementi decisivi per una prognosi favorevole sono pertanto la tempestività della diagnosi e la personalizzazione della terapia. Le tecnologie innovative consentono di limitare a poche ore i tempi dei test di suscettibilità agli antibiotici ma e' necessario che esse si traducano in un’opportunità concreta nei nostri ospedali", ha aggiunto Andrea Fontanella, Presidente Fadoi.

 

Giornata mondiale della sepsi 

 

La sepsi rappresenta un'emergenza sanitaria in costante aumento, dall'esito fatale se non diagnosticata precocemente e trattata tempestivamente. Un'emergenza legata a doppio filo ad altri due problemi di grande importanza: le multi-resistenze e le infezioni ospedaliere. Queste ultime sopraggiungono in circa il 5-7% dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani (fino al 15% nei reparti di terapia intensiva), 500-700mila casi in totale, con una mortalità del 3%.

La Giornata mondiale della sepsi che si celebra ogni 13 settembre è l’occasione per ribadire la portata di questi fenomeni e sollecitare contromisure efficaci e sostenibili

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sepsigiornata mondiale sepsi
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.