A- A+
Medicina
Tumori e alimentazione: 45% dei pazienti a rischio malnutrizione, 35mila morti

TUMORI: 45% PAZIENTI A RISCHIO MALNUTRIZIONE, 35MILA I DECESSI 

Alimentazione e cancro: l’efficacia delle cure oncologiche, anche con farmaci fra i più innovativi oggi disponibili in Italia per diversi tipi di tumore, è vanificata o ridotta a causa di uno stato generale di malnutrizione, in particolare calorico-proteica. Un rischio cui è esposto mediamente il 30% dei pazienti oncologici al momento del ricovero, con punte del 45% in caso di medio-lungo degenze o di tumori che presentano difficoltà funzionali all'alimentazione naturale, come nel caso di neoplasie alla testa e collo, stomaco, esofago, intestino. E l'esito della malnutrizione è pesante, fino a essere letale per circa 35 mila pazienti ogni anno. Sono i dati, importanti, presentati oggi a Trapani in un convegno organizzato da Baxter in occasione della 'Prima Giornata Nazionale Nutrizione & Oncologia'.

TUMORI E CANCRO: L’IMPORTANZA DI UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE NELLA CURA DEL CANCRO

Sotto i riflettori la programmazione di un 'piano nutrizionale' impostato al momento della presa in cura del paziente, su misura delle necessità individuali e del tipo di malattia, e che ha una doppia finalità: fornire da un lato un adeguato approccio nutrizionale e, dall'altro, supportare la fattibilità delle cure oncologiche, anche per periodi prolungati, e potenziare l'efficacia delle terapie intraprese. In Italia le opportunità e le competenze per offrire al paziente il migliore nutrimento clinico e alimentare ci sono, ma resta ancora un nodo terapeutico importante da sciogliere: l'uniformità e equità di accesso al servizio nutrizionale. Obiettivo è arrivare all'attuazione delle linee di indirizzo pubblicate dal ministero della Salute a fine 2017 e già recepite dalla conferenza Stato-Regioni, perché il fabbisogno alimentare e il supporto nutrizionale clinico domiciliare, in oncologia, è vitale e terapeutico, e deve diventare parte integrante della cura.

"La nutrizione nel paziente oncologico, a seconda del tipo e dello stadio di malattia - afferma Carmine Pinto, direttore dell'Unità Operativa di Oncologia Medica, Clinical Cancer Centre, Irccs Ausl di Reggio Emilia - può avere un triplice ruolo. Ovvero di 'integrazione' alla normale alimentazione durante un trattamento di chemioterapia; di 'supporto' per via orale, parenterale (endovenosa) o enterale (con sondino gastrico) nei casi di tumori che presentano difficoltà funzionali ad alimentarsi in maniera autonoma e naturale come per i tumori della testa e collo, stomaco, esofago e intestino; di 'accompagnamento' nella fase finale della malattia".

ALIMENTAZIONE E CANCRO:  45% MALATI DI TUMOER È A RISCHIO MALNUTRIZIONE, 35MILA I DECESSI 

"In funzione del ruolo e delle implicazioni - aggiunge Pinto - il corretto approccio nutrizionale deve essere valutato fin dal momento della presa in carico del paziente oncologico, in base alle singole necessità e alla natura della malattia, da un team multidisciplinare formato da diverse figure professionali, tra cui l'oncologo, il radioterapista, il chirurgo, il nutrizionista e il dietologo. La nutrizione, specie nella fase più delicata, quella della nutrizione parenterale artificiale domiciliare, va dunque gestita in servizi nutrizionali e attuata da personale altamente formato e dedicato al paziente oncologico".

Il corretto approccio nutrizionale clinico è vitale e terapeutico per il paziente oncologico, perché anche grazie ad esso potrà ottenere il migliore benefico dalle terapie innovative oggi possibili, anche in Italia, per diversi tipi di tumore. "In particolare - conclude Giuseppe Aprile, Direttore Oncologia, ospedale di Vicenza e Coordinatore del Polo Oncologico vicentino - destano particolare attenzione le terapie target, cure appartenenti a quella che viene definita 'oncologia di precisione', e la più recente immunoterapia. 
Per il futuro potranno esserci ampi spazi di miglioramento e nuove offerte di cura, anche in ambito dell'oncogeriatria. Un ramo dell'oncologia dedicato al paziente senior, che oltre a coinvolgere la popolazione avanti negli anni in un invecchiamento attivo, sta sviluppando strategie di cura adatte all'età e alle comorbidità possibili in questa fascia di pazienti, presumibilmente in trattamento con più farmaci (politerapia), che tengano conto dell'interazione tra farmaci al fine di evitare sovrapposizione di potenziali effetti collaterali e massimizzare l'efficacia delle terapie in atto".


 

Commenti
    Tags:
    tumori e alimentazionealimentazione e cancroalimentazione e cura del cancro
    in evidenza
    Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar

    Curve pericolose. Le foto

    Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar

    
    in vetrina
    SEA, conclusa a Malpensa la mostra ‘NICE TO MEET YOU’

    SEA, conclusa a Malpensa la mostra ‘NICE TO MEET YOU’


    motori
    Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

    Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.