A- A+
Medicina
Zika, allarme Oms: col caldo Europa a rischio. "2 vaccini quasi pronti"

Virus Zika, "In Italia è allerta. Ecco come riconoscere i sintomi"

E' partita la sfida mondiale per un vaccino in grado di sconfiggere la Zika. E due ricercatori indiani di Hyderabad sostengono di averne sviluppato non uno ma due contro queso virus che si sta diffondendo sempre piu' nelle Americhe a partire dal Sud. Secondo l'emittente Ndtv la societa' Bharat Biotech International Limited ha gia' depositato "nove mesi fa" un brevetto per il vaccino contro Zika anche se non ancora pronti per essere impiegati. Ci vorra' ancora del tempo per completare i test sugli animali e sugli esseri umani. Secondo il responsabile del laboratorio, Krishma Ella "nella migliore delle ipotesi in 4 mesi potremmo avere un milione di dosi". La Biotech spera nel sostegno del governo per accelerare i tempi di sviluppo e produzione. Il virus Zika si presenta come una febbre che se ben curata passa in una settimana, ma che nelle donne incinte causa problemi di malformazioni al feto. Il nascituro presenta microcefalia: la testa e' molto piu' piccola del resto del corpo con conseguenti problemi di ritardo. .

Allarme Oms: con il caldo il virus puo' diffondersi in Europa  - L'Organizzazione Mondiale della Sanita' ha esortato i Paesi europei a premunirsi contro la diffusione del virus Zika, che potrebbe 'attecchire' rapidamente con l'arrivo delle alte temperature in primavera ed estate. "Ogni Paese europeo dove le zanzare Aedes sono presenti puo' essere a rischio per la diffusione del virus Zika", ha avvertito il direttore regionale della sezione europea dell'Oms, Zsuzsanna Jakab. A gennaio l'Oms aveva gia' fatto sapere che la zanzara Aedes, responsabile della trasmissione del virus, e' presente "in diversi Paesi europei, in particolar modo quelli mediterranei". "Un certo numero di viaggiatori infettati con lo Zika e' entrato in Europa ma il virus non si e' propagato perche' la zanzara e' ancora inattiva. Con l'arrivo della primavera e dell'estate, il rischio che lo Zika si diffonda aumenta", ha spiegato Jakab. Ecco perche' l'Oms sollecita i Paesi europei ad "agire subito in modo coordinato" per eliminare i siti dove le zanzare si riproducono, a informare la popolazione a rischio, a mettere in atto la sorveglianza sanitaria e incrementare la ricerca di vaccini e test diagnostici. L'Oms avverte infine che "la vasta distribuzione geografica delle specie di zanzare in grado di trasmettere il virus, la mancanza nel mondo di immunizzazione cosi' come l'assenza di un vaccino e di rapidi test diagnostici generano timori che il virus Zika possa diffondersi a livello globale". .

In Texas caso di trasmissione attraverso rapporto sessuale - Si e' registrato nella contea di Dallas in Texas il primo caso di contagio accertato del virus Zika trasmesso tra due esseri umani attraverso un rapporto sessuale e non come avviene normalmente a causa della puntura di zanzare infette. "Il paziente e' stato infettato dal virus dopo aver avuto contatti sessuali con un individualo malato, tornato da un paese dove zika e' presente", ha reso noto la contea. Secondo il New York Times nella letteratura medica si e' registrato solo un altro caso nella storia di contagio sessuale. Zika provoca una febbre e lesioni della pelle ma se colpisce donne incinta i bambini nascono con una defomrazione, microcefalia, che comporta una testa molto piu' piccola rispetto al resto del corpo e quindi gravi ritardi mentali.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
zikavacciniallarmeomscaldo
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Mini classica si converte all'elettrico

Mini classica si converte all'elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.