A- A+
Milano
Aggressione con acido, i pm: “Dalla bocconiana sentimento spregevole”
Alexander Boettcher e Martina Levato

Il reato di lesioni gravissime aggravato dalla crudelta', dalla premeditazione e da motivi abietti e futili che sarebbe stato commesso da Alexander Boettcher e Martina Levato e' "espressione di un sentimento spregevole, trattandosi di parole scritte che fanno riferimento a particolari rapporti sessuali, non a ragioni di gelosia ma semmai di rivalsa". Lo ha sostenuto nel processo per direttissima a loro carico il pm di Milano Marcello Musso motivando cosi' l'aggravarsi dell'imputazione nei confronti del broker e della studentessa bocconiana.

I due, sono accusati di avere gettato dell'acido muriatico sul volto del 22enne Pietro Barbini dopo averlo attirato in via Giulio Carcano, a Milano, con la scusa della consegna di un pacco. Anche se non e' in pericolo di vita, il giovane, che studia economia a Boston, dovra' restare in ospedale a lungo e potrebbe subire gravi danni a un occhio.

Tags:
pmbocconi






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.