A- A+
Milano


Allarme bomba a piazza della Scala. Due valigie, forse dimenticate da un turista, hanno indotto la polizia a transennare la piazza antistante il teatro lirico per fare i controlli del caso. Due agenti hanno trasportato con molta cautela i bagagli sospetti in una zona isolata della piazza, tenendo lontani i molti turisti che in un primo maggio baciato dal sole affollavano la zona monumentale di Milano. Quindi le valigie, due comuni modelli rigidi di colore nero, sono state fatte brillare dagli artificieri con una piccola carica esplosiva.

La scientifica e la squadra artificieri della Questura hanno fatto sapere che si è trattato di un falso allarme: le valigie contenevano solo effetti personali. Erano stati dei passanti a chiamare i vigili urbani e quindi la polizia. Poi subito intervenuta sul posto. L'episodio e il trambusto che ne è derivato, è servito quanto meno ad offrire un diversivo per i molti curiosi che hanno seguito le varie fasi dell'intervento delle forze dell'ordine dai limiti tracciati dalle transenne

Tags:
scalamilano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.