A- A+
Milano

"Per come e' stata gestita fino ad oggi la Lombardia, ci hanno portato fuori strada, con la loro guida. Fuori dalla strada dello sviluppo, della crescita, dell'Europa". Così il candidato presidente della Regione Umberto Ambrosoli, a margine di un incontro al circolo della stampa, ha risposto alle accuse rivolte a lui dall'avversario Roberto Maroni, che ieri aveva detto: "Mettere la Lombardia, che e' una macchina da corsa, nelle mani di uno che non ha nemmeno la patente A, quella per i motorini, porta a schiantarsi subito".

"Sono ben contento di rappresentare per i cittadini lombardi l'opportunita' di cambiamento che oggi con grande concretezza si presenta - ha aggiunto - hanno fallito su tutti i fronti. Loro sono il vecchio che tenta di riprodursi e affermarsi. L'unica novita' siamo noi. Da sempre le novita' si affermano".

"I sondaggi ci dicono che stiamo crescendo. Siamo arrivati allo stesso punto ma noi stiamo crescendo, loro no". Lo ha affermato il candidato presidente della Regione Umberto Ambrosoli interpellato sul testa a testa con Roberto Maroni, a margine di un incontro al circolo della Stampa.

Tags:
ambrosoli






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.