A- A+
Milano

Oltre 70 scuole da bonificare su 350, con un investimento da 41 milioni di euro e con l'obiettivo di "eliminare l'amianto da tutte le scuole aperte e riconsegnarle alla citta' entro la fine del mandato". Questo il "piano amianto" del Comune, presentato oggi dall'assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza con il collega all'Istruzione Francesco Cappelli. Il programma di interventi segue l'analisi fatta svolgere da palazzo Marino sulle strutture delle 350 scuole statali di proprieta' del Comune in citta', fra elementari e medie. Oltre 70 quelle che sono risultate avere bisogno di interventi, di diversa entita' e con diverso grado di priorita'. Per 16 scuole i lavori sono stati gia' programmati e, assicura Rozza "saranno completati entro la fine dell'anno. Si tratta di quelle con 'pericolo 1' e abbiamo gia' concordato con la Asl come rimuovere l'amianto in porzioni dei pavimenti vinilici e nella coibentazione e nelle canne fumarie".

In questa prima fase di interventi rientrano ad esmpio le scuole di via Mincio, via Anselmo Da Baggio, via Delle Betulle, via Monteverdi, via Giulio Romano. Un'altra ventina di scuole e' inserita in una tranche di interventi da finanziare con il decreto del fare, ovvero con parte dei 15 milioni che la Regione deve ripartire sul territorio e che l'assessore regionale all'Istruzione Valentina Aprea ha gia' assicurato "in gran parte" a Milano. L'amministrazione si attende circa 7 milioni di euro, per intervenire su impianti di scarico, pluviali e porzioni di pavimento: nell'elenco ci sono la scuola media di via Commenda, gli edifici di via Ruffini, via Fara, via Iseo, via Savona. C'e' quindi un'altra ventina di scuole in cui sono in corso sopralluoghi per smaltire scarse quantita' di amianto, come quelle di via Palmieri, via Soderini 41, via Console Marcello 9, via Clericetti. Un ultimo gruppo infine riguarda gli edifici che richiedono interventi non urgenti (ad esempio in via Appennini, via Quarenghi, via Stoppani, via Anemoni, via Gallarate 15, via Giusti, via Zuara, via Veglia). A questi, si aggiungono 9 scuole in cui sono stati programmati inteventi di manutenzione straordinaria (Cova, Giacosa, Forze Armate, Gabbro, Margherite, Mezzofanti, Ruffini, via Fara 32, via Russo 27). Di 41 milioni di euro l'investimento complessivo stimato per il piano, con oltre 6 milioni di euro gia' impegnati per i primi interventi.

"Servono almeno 160 milioni di euro per un piano serio di ricostruzione delle scuole dismesse". Lo ha spiegato l'assessore ai Lavori pubblici del Comune Carmela Rozza, presentando il piano per la bonifica dall'amianto delle scuole statali di proprieta' comunale in citta'. Sono 16 le scuole dismesse in citta', fra nidi, materne, elementari e medie, in situazione di degrado e con la presenza di amianto, destinate ad essere sostituite, ma "per un piano serio di ricostruzione si deve mettere a budget una media di 10 milioni per struttura. L'investimento e' enorme - ha detto Rozza - ma una possibilita' c'e', ed e' aperta dal decreto per il diritto allo studio, che consente alle Regioni di contrarre mutui con la Bei o la Cassa depositi e prestiti per l'edilizia scolastica. Dall'assessore Aprea abbiamo ricevuto la disponibilita' a questo. Speriamo che si possa attuare". L'elenco delle scuole dismesse comprende il nido e la materna di via Aldini, le materne di via Uruguay, Zama, Ghini, via Martinetti 23, via Ugo Betti, via Rimini, via Martinelli 57, l'elementare di viale Puglie, il complesso di elementare e media di via Pisa, le medie di via Santa Croce, via Viscontini, via Strozzi e via Hermada.

"Servono almeno 160 milioni di euro per un piano serio di ricostruzione delle scuole dismesse". Lo ha spiegato l'assessore ai Lavori pubblici del Comune Carmela Rozza, presentando il piano per la bonifica dall'amianto delle scuole statali di proprieta' comunale in citta'.

Sono 16 le scuole dismesse in citta', fra nidi, materne, elementari e medie, in situazione di degrado e con la presenza di amianto, destinate ad essere sostituite, ma "per un piano serio di ricostruzione si deve mettere a budget una media di 10 milioni per struttura. L'investimento e' enorme - ha detto Rozza - ma una possibilita' c'e', ed e' aperta dal decreto per il diritto allo studio, che consente alle Regioni di contrarre mutui con la Bei o la Cassa depositi e prestiti per l'edilizia scolastica. Dall'assessore Aprea abbiamo ricevuto la disponibilita' a questo. Speriamo che si possa attuare". L'elenco delle scuole dismesse comprende il nido e la materna di via Aldini, le materne di via Uruguay, Zama, Ghini, via Martinetti 23, via Ugo Betti, via Rimini, via Martinelli 57, l'elementare di viale Puglie, il complesso di elementare e media di via Pisa, le medie di via Santa Croce, via Viscontini, via Strozzi e via Hermada.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
amiantobonifica






A2A
A2A
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.