A- A+
Milano


 

milano area c 6

Dovrebbe arrivare mercoledi' il voto del Consiglio comunale di Milano sul Piano generale del traffico urbano (Pgtu) che comprende anche la 'congestion charge' milanese , il cui periodo di sperimentazione di concludera' alla fine del mese. L'obiettivo di amministrazione e maggioranza e' quello di blindare il provvedimento rendendolo definitivo, per poi iniziare il lavoro di consultazione per mettere a punto del modifiche da approvare a luglio, prima dello spegnimento estivo delle telecamere, periodo che servira' per aggiornare il sistema. Da un punto di vista di lavori d'aula, 28 sono gli emendamenti presentati, tutti dall'opposizione, ma circa 8 o 9 potrebbero non essere ammessi; 18 gli odg, due dei quali della maggioranza, ma la minoranza sara' chiamata a ridurre a 10 il numero dei propri. Per quanto riguarda le modifiche richieste dalla maggioranza, il capogruppo del Pd, Lamberto Bertole', ha spiegato che si intende impegnare la Giunta ad illustrare preventivamente in Commissione le delibere che attuano il Piano e di impegnare l'Aula in un'apposita seduta dedicata sulle modifiche al Pgtu, in particolare nel capitolo dedicato ad Area C.

Il Consiglio comunale, tuttora in corso, tornera' a riunirsi domani ma e' gia' convocato per mercoledi', quando appunto si attende il voto. - Riduzione dell'orario di funzionamento di area C alla fascia dalle 9 alle 18 o in alternativa dalle 7.30 alle 15.30 "in modo da frenare l'afflusso di pendolari ma non danneggiare le attivita' commerciali del centro storico"; esenzione per i residenti; pareri dei consigli di Zona e dibattito in commissione prima di varare le "Zone 30"; raddoppio dello stanziamento in bilancio per il potenziamento dei mezzi pubblici. Sono alcune delle richieste che l'opposizione di centrodestra in consiglio comunale ha affidato ai 18 ordini del giorno depositati sul Pgtu, in discussione in consiglio comunale. La minoranza chiede anche "un piano articolato per togliere entro 12 mesi dalle strade del centro cittadino i jumbo tram, Sirio e Sirietto", un abbonamento a prezzo scontato per area C per commercianti e famiglie, l'esclusione da area C del Policlinico e altre "realta' pubbliche", l'aumento degli stalli per le moto e ancora l'attuazione del "Piano della Pietra", ovvero la sostituzione del pave' nelle strade di grande percorrenza per utilizzare i masselli nelle Ztl da riqualificare. A difendere la scelta delle Zone 30 l'assessore Pierfrancesco Maran in aula al termine del dibattito generale: "Non vogliamo bloccare la citta' ma fare scelte progettuali per ridurre l'incidentalita' e creare zone in cui le auto si sentano ospiti e siano sicure altre categorie, come pedoni e ciclisti". In aula oggi, dopo il dibattito generale, l'avvio dell'esame dei 28 emendamenti presentati.

Tags:
area cdefinitiva







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.