A- A+
Milano
Bilancio, via libera in Consiglio regionale: 23 miliardi per il 2014

Diciassette miliardi e 395 milioni per il sistema sanitario, cui vanno aggiunti 1 miliardo e 721 milioni per il welfare e 2 miliardi per gli investimenti. Sono alcuni dei numeri della manovra finanziaria regionale per il 2014 (Legge di Stabilità e Bilancio pluriennale 2014-2016) approvata dal Consiglio regionale con 45 voti favorevoli e 28 contrari. Il Bilancio per il prossimo anno è fissato in 23 miliardi e 872 milioni.

Presentandolo all'Aula, il relatore del provvedimento Alessandro Colucci (Ncd), Presidente della Commissione Bilancio ha parlato di "strumento di programmazione finanziaria e di previsione che viene messo a punto in una fase storica di grande difficoltà, dove la crisi economica e finanziaria investe sia il sistema produttivo sia, soprattutto, migliaia di famiglie e di cittadini, anche qui nella nostra Lombardia". "Oggi - ha poi aggiunto Colucci - dobbiamo anche fare i conti con una politica dello Stato che si muove sul terreno di una indiscriminata e spesso irrazionale politica di tagli, di misure estemporanee sul terreno del risanamento dei conti pubblici e dove la spending review incide pesantemente sulle capacità di spesa e di azione della nostra Regione. Nonostante questo - ha detto ancora Colucci - il nostro bilancio nonostante tutto però riesce a garantire risorse per il rilancio del 'sistema Lombardia' e puntare al rafforzamento di un tessuto ancora forte e competitivo ma che ha bisogno di sostegno, di fare rete, di essere incentivato dal punto di vista dell'innovazione, del mercato, delle politiche sociali e di welfare. Nonostante un taglio dei trasferimenti da parte dello stato centrale di oltre 300 milioni nella nostra manovra non aumentiamo imposte, garantiamo un investimento di oltre 2 miliardi per far crescere la nostra Regione e poi iniziamo a ridurre le tasse, eliminando ad esempio dal 1 gennaio 2014 il bollo per chi acquista un'auto meno inquinante e azzerando l'Irap per le nuove imprese innovative".

"La relazione che accompagna i documenti finanziari - si legge - evidenzia la solidità finanziaria e patrimoniale di Regione Lombardia che vede attribuirsi da parte di Moody's un rating Baa1, superiore a quello della Repubblica Italiana (Baa2). Si segnala un'evoluzione del Pil regionale positiva: dati Prometia prevedono per il 2013 una flessione dell'1,5% destinata però a lasciare il campo a un aumento in positivo l'anno prossimo (+ 1,2%) e nel 2015 (+1,7%). Il tasso di disoccupazione resta comunque negativo: 8,1% per il 2014, per poi presentare un lieve miglioramento nel 2015 (7,8)".

Riguardo ai dettaglio del bilancio, si legge, "A titolo esemplificativo generale si segnalano i 256 milioni aggiuntivi rispetto all'esercizio 2013 per il fabbisogno sanitario; 53,5 milioni vanno per il sostegno alle famiglie per il fabbisogno abitativo; 2,5 milioni per le politiche finalizzate alla tutela e all'assistenza dei detenuti (altri 4 milioni per gli anni 2015 e 2016); oltre 16 milioni per le politiche giovanili; 25 milioni per la montagna; 21 milioni per le aree protette; 30 milioni per il buono scuola; 8,9 milioni per le scuole dell'infanzia; 15 milioni per il sistema turistico lombardo; oltre 40 milioni per il sistema industriale. Per l'Aler che si trova in grave emergenza finanziaria sono in bilancio 30 milioni: si tratta di un finanziamento che Aler rimborserà in 10 anni, in rate semestrali, a partire dal 31 dicembre 2014). Previsto un incremento per il trasporto pubblico locale di oltre 35 milioni di euro, mentre 96 milioni di euro sono destinati alla valorizzazione e allo sviluppo del sito Expo. Quasi 90 milioni vengono anticipati per la nuova programmazione comunitaria, oltre 165 milioni vanno per le politiche a favore del lavoro, l'istruzione e la formazione professionale e altri 62 milioni sono stati stanziati per l'edilizia scolastica e la digitalizzazione nelle scuole. Infine 35 milioni vanno per il trasporto pubblico locale, 96 milioni per lo sviluppo e la valorizzazione del sito Expo e altri 60 milioni per il fondo a sostegno delle famiglie e dei suoi componenti più fragili".

Tags:
bilancioconsilgio regionale







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.