A- A+
Milano
Biscardini, il ribelle di Pisapia: "Gli assessori non comunicano"

di Fabio Massa

Roberto Biscardini, socialista, fuoriuscito dal Partito Democratico qualche mese fa, è stato definito uno dei "ribelli" della maggioranza di Palazzo Marino. Ad Affaritaliani.it spiega la propria posizione: "Io sono uno dei più fedeli sostenitori di Giuliano Pisapia. Ma la sua giunta non comunica. In consiglio gli assessori non vengono mai. Il Pd? Il segretario sapeva che avrei fatto la lista civica per la Città Metropolitana fin da giugno. C'è un rapporto leale". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Roberto Biscardini, lei è l'eretico della maggioranza.
Sono il ribelle della maggioranza, correggiamo la definizione.

Correggiamola. Ma lei è ribelle.
Ma no, io ho spiegato al sindaco che sono fedele a questa maggioranza di centrosinistra.

Un ribelle fedele, sembra un ossimoro.
L'unica cosa che ho detto e che ho chiesto è che se vogliamo rilanciare l'azione di questa maggioranza da qui alla fine della lagislatura sarebbe bene che lui ci proponesse un documento molto semplice sulle cose da fare e una volta che abbiamo costruito il consenso su questi temi, si può marciare compatti. Io ribadisco che se le questioni vengono sottoposte al consiglio da parte della giunta senza essere condivise prima, allora ci deve essere libertà di discussione.

Insomma, il sunto è: o gli assessori parlano con il consiglio oppure ognuno vota come gli pare?
Esatto. Io ho posto questo problema. Stante il fatto che, vorrei ribadirlo, mi sento uno dei più fedeli sostenitori di Giuliano Pisapia.

Uno dei più fedeli sostenitori ma al bilancio si è astenuto.
Astensione più che motivata. Ho presentato innumerevoli emendamenti e ho fatto proposte di natura politica. La risposta è che... non c'è stata risposta.

Anche sul documento che lei ha chiesto a Pisapia, non mi pare ci sia stato esito.
No, il documento non l'ha fatto. Stiamo aspettando. Aspetteremo. Anche se devo dire che continua a convocare riunioni di maggioranza, sulla M4, sulla galleria, etc.

Contentino?
Diciamo che va già bene perché è meglio fare riunioni di maggioranza che non avere informazioni dai giornali.

Lei sulla M4 come si esprime?
Favorevole. Bisogna andare assolutamente avanti. Milano non si può permettere il lusso di interrompere un progetto infrastrutturale che non serve solo ad Expo, ma alla città.

Parliamo del Pd. In che rapporti è con la segreteria?
Rapporti molto chiari. Con il segretario Bussolati ho un rapporto discretamente buono. Sicuramente molto franco. Anche la vicenda, che qualcuno ha vissuto male, della nascita della lista civica con Cappato per la Città Metropolitana, Bussolati la conosceva per tempo. Già a giugno sapeva che avremmo fatto questa lista. Per questo dico che ci sono rapporti chiari. Autonomia e chiarezza.

E con il Pd in generale?
Direi rapporti buoni sul piano personale e anche sul piano politico. Il Pd fa uno sforzo anche lui per sostenere questa giunta. Qualche volta deve ingoiare il rospo di non essere stato informato. Il problema è sempre lo stesso.

L'assessore che comunica di meno chi è? Chi boccerebbe senza appello?
Un po' tutti comunicano poco. Non faccio nomi. Ma la cosa che dico è che in consiglio non vengono mai se non c'è una pratica che interessa loro, in discussione. Mi sembrano molto disinteressati a quel che il consiglio fa. Questo è un limite di questa giunta.

@FabioAMassa

Tags:
biscardinipisapiapsi







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.