A- A+
Milano
Le "professioni dell'acqua": Cap cerca 28 profili da assumere

Idraulici, civili, informatici, ingegneri e tecnici ma anche laureati in giurisprudenza e materie umanistiche: sono questi i profili più richiesti dal Gruppo Cap che ha annunciato il piano assunzioni per il 2015. 28 assunzioni che porteranno l’organico del Gruppo a quota 865 addetti, a cui si aggiungono 40 stage attivabili durante l’anno questi ultimi già on line nella sezione "Lavora con noi" del sito www.gruppocap.it.

“In questo periodo storico poter annunciare un piano di assunzioni così significativo è ben di più di un motivo di soddisfazione – spiega Alessandro Russo, Presidente del Gruppo –. Gestire un servizio di pubblica utilità significa anche avere il dovere di generare valore da ridistribuire sul territorio, a livello locale e nazionale. Queste 68 nuove opportunità dedicate soprattutto a giovani e ai neolaureati e categorie protette, rappresentano proprio questo:  un segnale di discontinuità concreta sul mercato del lavoro che sappiamo bene essere stato duramente colpito da questa crisi economica.”

Ad oggi nel Gruppo Cap lavorano  837 persone  e l’obiettivo è quello di diventare sempre di più un punto di riferimento per la qualità del posto di lavoro, nell’ottica del brand recruiting. Per queste ragioni è stato intrapreso un percorso di social accountability che ha portato il Gruppo a ottenere all’inizio di quest’anno la SA 8000, la prestigiosa certificazione internazionale che garantisce una  gestione aziendale attenta alla responsabilità sociale d'impresa e il rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, la tutela contro lo sfruttamento dei minori e le garanzia di sicurezza e salubrità del posto  di lavoro. Certificazione che si aggiunge alle OHSAS 18001, ISO9001 e ISO 14001 già possedute e al recentissimo ottenimento del massimo punteggio – le tre stellette- nel rating di legalità dell’Antitrust.

Tags:
capassunzionilavoro







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.