A- A+
Milano
"Clandestini". Quando gli stranieri siamo noi...

Continente nero, anno 2031. Il mondo infine è andato a gambe all'aria. Ruoli ed equilibri economici si sono capovolti. In una sorta di "ritorno al futuro" la crisi petrolifera già in corso ai giorni nostri degenera e lo scenario si delinea inquietante. Tocca a noi occidentali sbarcare sulle coste dell'Africa, diventata la terra promessa, in cerca della fortuna ormai sperperata in patria. Uno spettacolo che travolge e coinvolge, una commedia contemporaneamente rivelatrice, emozionante ed esilarante perché in fondo non c'è nulla di più divertente nella vita, che la vita stessa. Finché si fa per ridere…


Patrocinata da Amref, "CLANDESTINI" è una commedia scritta da Gianni Clementi, diretta da Vanessa Gasbarri e con Marco Cavallaro, Alessandro Salvatori, Andrea Perrozzi e Antonia Renzella.
 
Il futuro è già qui, un futuro in cui è il mondo occidentale a sbarcare clandestinamente sulle coste di un paese africano per cercar fortuna e salvezza. Ora tocca a noi occidentali essere i clandestini, gli emarginati, i braccati, gli illegali… Uno spettacolo divertente che affronta però il tema scottante della clandestinità in maniera cruda e diretta, delineando la possibilità che un giorno non troppo lontano potremmo ritrovarci nelle condizioni di dover emigrare in un paese straniero e subire noi la cosiddetta "accoglienza". Scene di rara intensità, in cui comico e drammatico si fondono in un atto unico, cinico ed irriverente, fatto di tagliente comicità. Con finale a sorpresa.

"Quando una società perde i punti di riferimento e la curiosità si avvita su se stessa, le conseguenze generano un' implosione della società stessa...ecco che in un'ipotetica visione del futuro avviene un ribaltamento di posizioni e di ruoli...i padroni diventano servi ed i servi padroni. E quando i servi divengono padroni...so' dolorii!" Gianni Clementi.

Info e prenotazioni:
TEATRO MARTINITT
Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10
Orario spettacoli: giovedì e venerdì ore 21, sabato ore 16.30 e ore 21, domenica ore 18.
Biglietteria: da martedì a sabato ore 10-20, domenica ore 15-17.30; lunedì chiuso.
Ingresso: 20 euro - Abbonamenti a partire da 100 euro per 11 spettacoli.
www.teatromartinitt.it

clandestini (1)

Il Martinitt
Un giovane teatro dai grandi numeri (30.000 spettatori lo scorso anno e già 1600 abbonamenti in sole 4 stagioni) che crede davvero nei nuovi talenti di casa nostra, tanto da riservare loro il suo palcoscenico in esclusiva e da aver indetto il concorso "Una Commedia in cerca d'autori", dedicato ad autori tra i 18 e i 40 anni, residenti in Lombardia. In premio la soddisfazione di veder il proprio testo diventare un vero e proprio spettacolo, che andrà in tournée in varie piazze d'Italia. Il copione vincitore della scorsa edizione, "TI PRESENTO PAPA'", andrà in scena dal 18/12 al 4/1.

Il teatro - ormai il nuovo tempio della comicità milanese - nasce proprio con l'intento di ridare vita e tessuto alla commedia italiana, ormai dimenticata e bistrattata, soprattutto in Lombardia. Il Martinitt si propone di smontare due colonne dell'immaginario collettivo: il teatro milanese a volte è un po' troppo serioso, ma soprattutto la commedia brillante italiana non è quella dei cinepanettoni, al contrario vanta una tradizione onorevolissima e protagonisti che hanno segnato il panorama culturale italiano.

La mission si allarga anche a Roma, grazie al teatro-gemello De' Servi (gestito sempre dalla società La Bilancia) e a livello nazionale, grazie alla creazione della piattaforma Commedie Teatrali Italiane - La rete di professionalità dedicate alla Commedia Teatrale Italiana (è anche una App), che mette in rete tutti coloro che intorno alla commedia ruotano: autori, produttori, registi, appassionati, curiosi.

Un autore sconosciuto può per esempio caricare il suo copione e magari trovare chi glielo produce...

 

Tags:
clandestini






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.