A- A+
Milano

 

campo nomadi salone 04

Corsi di educazione civica per i rom e una permanenza massima nei campi nomadi di 3 mesi. A proporlo e' un progetto di legge, presentato al Consiglio regionale della Lombardia dal consigliere di Fratelli d'Italia, Riccardo De Corato. I corsi di educazione civica, sottolinea De Corato, "dovranno favorire la conoscenza e l'osservanza delle nostre regole di convivenza civile". Il rispetto di queste regole, infatti, "e' la base per una reale integrazione". Il consigliere Fdi sottolinea: "Basta buonismo, che fa male anche ai nomadi. Finalmente regole certe e un atteggiamento lineare che aiuti a comprendere come inserirsi correttamente nella nostra realta'". La legge presentata mira a sostituire "quella, ormai superdatata, del 1989".

De Corato, quindi, aggiunge: "La nostra legge stabilisce che il periodo massimo di sosta nei campi e' di tre mesi prorogabile solo in caso di minori che frequentino la scuola dell'obbligo (quando sia comprovata la loro regolare presenza in classe!)". I nomadi "sono popolazioni che si spostano da un territorio all'altro, non sono popolazioni stanziali". Dunque "non e' corretto, come fa il Comune di Milano con argomentazioni ideologiche e ambigue, attivarsi per trovare loro un alloggio stabile impiegando soldi pubblici e versandoli alle associazioni del terzo settore per acquistare case per i nomadi". Tra i punti del pdl il divieto di ogni genere di autocostruzione all'interno dei campi (quelle ammesse devono rispondere alle norme comunali); l'ammissione e' consentita solo a persone che siano in possesso di documenti d'identita' (se cittadini italiani o Ue) oppure di documenti che comprovino il regolare soggiorno nel nostro territorio. In ogni caso non devono essere persone che siano state destinatarie di provvedimenti di allontanamento.

Tags:
romeducazione civica







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.