A- A+
Milano

Un messaggio per i milanesi, un contributo per tutti i cittadini in difficoltà. È partita in questi giorni la campagna "5 per mille, mettiamolo in Comune, moltiplichiamolo nel sociale", realizzata dal Comune per sensibilizzare i milanesi a donare il 5 per mille dei propri redditi Irpef alle attività sociali svolte dal Comune. La scelta è già possibile e sui modelli (730 o Unico) esiste già uno spazio predisposto che si completa con una firma. Le donazioni raccolte quest'anno saranno impiegate per sostenere progetti in favore di bambini e ragazzi con disabilità. Il Comune renderà nota l'entità delle risorse pervenute ogni anno e indicherà di volta in volta le finalità cui saranno destinate. "L'appello che rivolgiamo ai milanesi di destinare il 5 per mille dell'Irpef ad attività sociali - spiega Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali - ha l'obiettivo di coinvolgere i cittadini in operazioni di solidarietà sempre più necessarie al sostegno di persone e famiglie in condizioni di disagio e a rischio di emarginazione sociale". "Milano come altri Comuni - aggiunge Majorino - si trova a fronteggiare non solo una pesante crisi economica, ma anche una cospicua diminuzione dei finanziamenti statali e regionali destinati alle politiche sociali. Per superare questa situazione ß fondamentale il contributo di tutti, dalla sinergia tra pubblico e privato alla partecipazione attiva dei cittadini, che in più occasioni ci hanno giÖ dimostrato la voglia di aiutare concretamente chi ha meno e si trova in difficoltÖ". Il 5 per mille, non rappresenta un contributo aggiuntivo alla propria dichiarazione, ma ß una possibilitÖ - giÖ prevista nei modelli di contribuzione - di destinare all'Ente locale anzichá allo Stato una parte dei propri redditi. Il 5 per mille non sostituisce l'8 per mille.

Tags:
majorinosociale







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.