A- A+
Milano

Fine della caduta e inizio della graduale ripresa per l'edilizia. Questo il quadro del settore descritto dal presidente di Assimpredil Ance Claudio De Albertis a margine dell'assemblea annuale dell'associazione del sistema Ance che riunisce le imprese di costruzione delle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza. "Dopo sei anni di numeri sempre più' negativi, finalmente una lieve speranza per il domani - ha detto - non certo derivata dall'inversione significativa di quei numeri, ma dalla sensazione che il clima stia cambiando, anche se la ripresa sara' lenta e diversa tra i territori e tra i settori". Tra i dati presentati, quelli relativi alla domanda di mutui delle famiglie italiane che e' in crescita e che nel mese di agosto ha registrato un +4 per cento rispetto all'agosto 2012, mentre nel mese di luglio era cresciuta del 2 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno. "Sono segnali deboli che speriamo siano anticipatori di un cambiamento di rotta il cui merito va anche al governo - ha affermato De Albertis - che con importanti interventi normativi ha finalmente riconosciuto il ruolo anticiclico delle costruzioni e ha messo mano a una serie di misure che potranno riattivare gli investimenti del settore".

Tags:
de albertis







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.