A- A+
Milano

 

franco de angelis

di Fabio Massa

Il 31 dicembre la Provincia di Milano non ci sarà più. Dovrebbe nascere la Città Metropolitana, che avrebbe competenze enormi: trasporti, ambiente, scuole, strade. Eppure, sull'argomento regna la confusione più totale. Ad Affaritaliani.it Franco De Angelis, neoassessore provinciale con delega proprio alla Città Metropolitana spiega: "Le norme sono un caos. Non sappiamo neppure su Palazzo Isimbardi resterà aperto fino a scadenza naturale. Noi chiediamo una legge speciale per Milano. Lo vogliamo chiedere con Pisapia e Maroni". La coppia di fatto Podestà-Pisapia? "Non credo a chi dice che scoppia perché Pisapia è contento visto che diventa lui commissario..."

Assessore De Angelis, la città metropolitana è alle porte. Ma nessuno ne parla...
Prima di tutto bisogna capirsi sull'interpretazione delle norme vigenti. E' un caos. Per esempio bisogna capire se davvero la Provincia di Milano deve decadere il 31 dicembre, e quindi iniziare con il commissario governativo.

Altrimenti?
Altrimenti può essere che la Provincia di Milano arriva a scadenza naturale, alla primavera 2014.

Al massimo si prolunga di 6 mesi...
I
l problema non è che la Provincia viva  o muoia. Il problema è che la Provincia di Milano è piena di competenze, quindi è difficile capire che cosa farne. Anche perché non è che qui si vuole cambiare il cartello, dove da "Provincia di Milano" diventa "Città Metropolitana". A questo punto si manda a casa un presidente e dieci assessori, e punto e basta, perché tutto resta uguale.

E invece?
I
nvece la nostra proposta è diversa. Guido Podestà, e speriamo sia d'accordo anche Roberto Maroni, e magari anche Giuliano Pisapia, proporrà una legge speciale per Milano Città Metropolitana. E' più che ovvio che una realtà come la nostra, con 134 Comuni, non può vivere l'esperienza di un commissario. La tradizione di quest'area richiede cose molto più importanti. Ma dico di più...

Prego.
Non è stato fatto proprio niente da nessuno sulla città metropolitana. Quello che c'è è un accordo tra Provincia e Comune per richiamare quello che è il comitato dei sindaci per spingere su questo processo.

C'è l'accordo? Perché secondo Ceccarelli, del Pd, la coppia di fatto Pisapia-Podestà pare proprio essere in crisi.
I
due assessori che hanno la delega, ovvero il sottoscritto e l'assessore del Comune Daniela Benelli, si sono incontrati. Abbiamo considerato andare avanti in questo lavoro comune. Quindi, sulla coppia di fatto che scoppia perché Pisapia è contento perché dal primo gennaio diventa anche commissario non sono così convinto. Mi sembra una forzatura.

Quando si inizierà a discutere lo Statuto?
Ma non so neanche dirle quali persone saranno chiamate a discuterne! Ognuno ha dato incarico ai propri di studiarlo.

Mi sembra che ci sia una completa disorganizzazione.
I
l problema non è ancora stato affrontato. Non è mai stato definito con precisione. Quando il governo stabilisce che le Province sono finite, senza preoccuparsi di emanare i decreti, è evidente che poi si arriva a questi livelli. E' un campanello d'allarme che deve suonare molto forte...

Siete pronti a far suonare questo campanello con i colleghi del Pd?
Non è questione di Pd o non Pd. Credo che siano abbastanza maturi e di buon senso da concordare con noi. Se poi qualcuno pensa che il meglio è occupare un ruolo dal primo di gennaio e poi vedere quel che succede, allora siamo messi male. Ma credo che il Pd sia un partito serio.

La Provincia gestisce gran parte dello sviluppo infrastrutturale della Lombardia. Che cosa succederà?
Pedemontana, Tem, Brebemi non sono vicende legate a questo tema. Sono cose distinte. Finita la Provincia subentrerà qualcun altro. Comunque sono tutti problemi ancora irrisolti. Ad esempio, sul Parco Sud: continua ad essere presieduto dalla Provincia o diventerà un ente autonomo?

@FabioAMassa

Tags:
de angelis







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.