A- A+
Milano
Ecco chi prenderà i soldi del consiglio regionale lombardo. La lista completa

di Fabio Massa

Il consiglio regionale lombardo continua a discutere di vitalizi. Di tagli (con tanta - o poca - buona volontà). Ma soprattutto di chi ha chiesto di rientrare dei contributi che aveva versato. In pratica, chi rivuole il malloppo rinunciando così alla pensione. Sono emersi ovviamente Nicole Minetti, che ha chiesto indietro e ottenuto quasi 80mila euro. E Massimo Ponzoni, condannato a 10 anni di carcere con 266mila euro. E Renzo Bossi, che se ne porta a casa 55.549.

Ma la lista completa, con tutti i nomi, fa impressione. E Affaritaliani.it può pubblicarla integrale. Con un'avvertenza però: sono soldi che i consiglieri non hanno rubato né sottratto. Sono soldi versati anticipatamente in vista di un vitalizio che invece non ci sarà. E quindi vengono restituiti. Tuttavia la lista fa davvero impressione, a sfogliarla Dentro c'è di tutto. Da Ettore Adalberto Albertoni, "padre" dello statuto regionale, che si dovrebbe portare a casa 142mila euro a Roberto Alboni, di Fratelli d'Italia, 144.340 euro. Il segretario lombardo del Pd Alessandro Alfieri ne prenderà 87mila. Onofrio Amoruso Battista, ex consigliere coinvolto nel caso Bpm usufruirà di 112mila euro errotti. L'assessore Viviana Beccalossi, donna forte della destra lombarda, fa doppietta: 124mila più 143mila. Al lettore la somma. E Maurizio Bernardo, ex assessore? 247mila euro. Il medico di Bossi, già assessore alla Sanità, cumula anche lui 14mila a 169mila euro. Cifra ancora più grande per l'ex assessore Massimo Buscemi: 358mila euro più 78mila euro. L'attore antimafia di Sel Giulio Cavalli avrà quasi 80mila euro. Più o meno come la collega, l'ex consigliera Chiara Cremonesi. E l'attuale segretario del consiglio regionale, già assessore ciellino Romano Colozzi sommerà 266mila a 79mila euro. Non se la passerà male neppure Sveva Dalmasso, da sempre "blindatissima", in vita, dal defuto presidente della Repubblica Francesco Cossiga: sommerà 264mila euro a 143mila. Non male, ci si potrebbe comprare un bell'appartamento in centro a Milano.

Impressionante anche la restituzione ad Elisabetta Fatuzzo, rampolla della dinastia che controlla da sempre il Partito Pensionati: per lei 348+79mila euro. Impressiona il contributo di Roberto Formigoni, perché per una volta il Celeste non primeggia affatto: "solo" 77.211 euro. Altra somma ingente quella di Guido Galperti. L'avvocato del Pd dovrebbe ricevere 236.105 euro. Angelo Giammario, consigliere Pdl finito nei guai e poi prosciolto, prenderà 145mila + 91mila euro. Enzo Lucchini, già vicepresidente della Regione, presidente di Arpa e direttore generale di una Asl, incasserà 389mila euro. Il piddino Daniele Marantelli ne avrà 253mila. L'attuale ministro all'Agricoltura, ex capogruppo Pd in consiglio regionale, Maurizio Martina, ne avrà 87.913. Stefano Maullu, ex assessore, dovrà fare tre somme: 145+78+86. Per semplicità ecco il totale: 309mila euro. Rosi Mauro? 86mila euro. Il senatore Pd Franco Mirabelli ne avrà oltre 200mila, Fabio Pizzul 87mila (entrambi Pd). Ve lo ricordate poi Piergianni Prosperini, accusato di corruzione, per la qual cosa poi ha avanzato richiesta di patteggiamento? Per lui sarebbero pronti 347mila euro. Ancor di più per Marcello Raimondi, giornalista bergamasco, ex assessore, nei guai per il caso della discarica di Cappella Cantone. In attesa della prima udienza, a settembre, potrà consolarsi con 378.813 euro. E Monica Rizzi, assessore bossiana doc, celebre per la gag della borsetta davanti agli occhi immortalata dalle Iene? Per lei sono pronti quasi 200mila euro. Olte a Maullu, "triplete" anche per Paolo Valentini Puccitelli, ex capogruppo Pdl: 122+144+168. Totale: 434mila euro. E Domenico Zambetti, assessore nei guai per il rapporti con la 'ndrangheta? Ben 75mila euro. Chiudiamo con Stefano Zamponi, ex capogruppo dell'Italia dei Valori, quello che si prese del "pirla" da Formigoni: assommerà 158mila e 85mila euro. Forse tanto pirla non è. Il totale della lista è monstre: 16 milioni e 250mila euro.

Per sapere chi prenderà la pensione, rimandiamo alla prossima puntata. Un'anticipazione: ci sarà anche Giuseppe Civati. Che però essendo giovane dovrà attendere a lungo: almeno il 2035.

@FabioAMassa

Tags:
regione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.