A- A+
Milano
Expo e i balzelli del Comune. Commento

Carluccio Sangalli ha chiesto un impegno straordinario alle imprese del commercio, in vista di Expo. Bar e ristoranti dovranno presentare listini “trasparenti”, offrire menù speciali per bambini e turisti, tenere le porte aperte dei servizi igienici per sopperire alla eterna carenza della mano pubblica. Gli esercenti si sono impegnati anche a studiare le lingue per accogliere l’invasione tanto attesa di stranieri in visita a Milano. Una occasione unica per l’economia cittadina, per affrontare la quale gli esercenti milanesi si stanno impegnando a fondo. E per questo hanno sottoscritto il “Patto per Expo 2015”. Non è chiaro cosa offrirà, in questo contesto, il Comune di Milano, oltre ad una certa semplificazione delle procedure burocratiche. In molti contavano su di un gesto più concreto, come il taglio di qualcuno dei mille balzelli ai quali i “bottegai” sono costretti. Anzi no, bar e ristoranti, spiega il Comune, potranno esporre gratis le vetrofanie dell’Expo. Grazie mille assessore D’Alfonso.

Tags:
expocomunecommento







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.