A- A+
Milano
Fecondazione eterologa: il Consiglio di Stato boccia la Lombardia

Il Consiglio di Stato ha bocciato il modello a pagamento scelto dalla Lombardia sulla fecondazione eterologa, accogliendo il ricorso di Sos Infertilità. L’avvocato Cinzia Ammirati, legale dell’associazione, ha espresso «grande soddisfazione per la decisione del Consiglio di Stato che ha recepito integralmente la richiesta di Sos Infertilità, secondo la quale non ci può essere disparità di trattamento tra chi deve ricorrere alla fecondazione eterologa e chi invece all’omologa". Soddisfazione anche da parte di Chiara Cremonesi, coordinatrice regionale di Sel: "Far pagare interamente alle coppie l'accesso a questa cura è stata una scelta discriminatoria e ideologica della giunta lombarda che, unica in Italia, ha cercato una strada per non applicare nei fatti la legge. Ora ci aspettiamo che vengano al più presto restituiti ai lombardi quei diritti che la Giunta Maroni ha cercato di cancellare".

Tags:
fecondazione eterologaconsiglio di statosos infertilitàcinzia ammiratichiara cremonesi






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.