A- A+
Milano
Forza Italia 8%, Lega Nord 24%. I numeri che spaventano Arcore. Inside

di Fabio Massa

Per adesso girano solo due numeri. Inquietanti. Cabala pre-elettorale, sondaggi misuratori di forze e fallimenti. Otto e venticinque. Ovviamente, nella dizione dei sondaggisti, mai troppo precisa e a volte decisamente sbagliata, otto-nove e ventiquattro-venticinque. La sostanza non cambia. Secondo quanto ha potuto cogliere Affaritaliani.it dai vertici di Forza Italia, sono quei due numerini che fanno impazzire la dirigenza azzurra. L’essenza del concetto? Forza Italia sarebbe “triplicata” dalla Lega Nord, su Milano, se oggi si andasse a votare. Troppi condizionali, beninteso, ma ognuno di questi porta a un esito inquietante. E allora, come uscirne? C’è chi, leggasi Giulio Gallera, punta sulle “idee” e organizza il suo think tank popolare Milano Merita. Chi, invece, attende speranzoso (Maurizio Lupi). Chi ancora ci riflette, ben sapendo di essere potenzialmente la carta vincente (Gianfelice Rocca). Chi parla malissimo di Pisapia proponendo la propria ricetta nelle cene che contano, salvo poi non aver ancora intrapreso nessuna mossa concreta (Stefano Dambruoso). E poi c’è lui, c’è Matteo Salvini. Il leader del partito da 24-25 per cento su Milano. Uno che a sentire Cacciari (Affaritaliani.it l’aveva intercettato in un bar a Milano) non dovrebbe avere dubbi: “Da sindaco di Milano sarebbe un naturale leader nazionale, io non esiterei un attimo”, diceva l’ex sindaco di Venezia.

+++

Qualcuno parla di fantapolitica, anche se non è così. Le spinte ci sono, e pure belle forti. Ncd e Forza Italia di nuovo insieme in Regione. Il progetto, accarezzato in quel di Arcore e da Mariastella Gelmini, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, ha delle buone basi. Prima di tutto perché gli esponenti Ncd non vedono l’ora di “risaltare” di qua, presi dall’aporia filosofica di un Nuovo Centrodestra che sta con il Centrosinistra al governo, e soprattutto convinti più di ogni altro di quanto dice Salvini: al prossimo giro l’Ncd sarà spazzato via. E dunque, come fare? La soluzione è semplice. Riportare ad unità ciò che adesso è diviso. Tanti vantaggi per Ncd ma anche per Forza Italia. Un esempio? Il gruppo consiliare tornerebbe ad essere il primo in termini di forza e peso. Brutte notizie per Alfano, però. Senza la Lombardia Ncd diventa ancor di più un fantasma.

@FabioAMassa

 

Tags:
forza italialega nordmatteo salviniarcore







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.