A- A+
Milano
Gelmini: "L'ambientalismo 'arancione'? Solo chiacchiere..."

Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale di Forza Italia, esterna su facebook il suo giudizio sulla bocciatura della Giunta Pisapia sull'attuazione dei 5 quesiti referendari del 2011 da parte della consulta cittadina: "Le scelte delle Amministrazioni locali mostrano l’esistenza di due ambientalismi: uno conservatore e ideologico, e uno innovativo e pragmatico. Il primo tipo esalta la componente utopistica, soddisfa le pulsioni del movimentismo ambientale, e propone ricette ultimative e radicali. Un esempio? I cinque referendum del movimento arancione milanese del 2011. I quesiti mettevano ai voti proposte come: 'raddoppiare gli alberi', 'raddoppiare l’area Ecopass', 'riaprire i Navigli', 'un giardino per ogni abitante a meno di 500 metri da casa', 'demolire le case a bassa efficienza energetica'. Questo genere di ambientalismo, svaporata l’esaltazione del momento, lascia spazio entro breve al rituale delle polemiche sulle 'mancate attuazioni'".


"Ed ecco - prosegue Gelmini - la Consulta per l’Attuazione dei 5 referendum accusare il Comune di Milano di tradimento di quegli 'ideali'. Negli anni del Centrodestra ci si è sempre tenuti lontani da questo approccio ideologico e chiacchierone, e si sono fatte scelte di innovazione ambientale. Albertini e Moratti non hanno fatto referendum, non hanno riempito le piazze a suon di slogan:  al contrario, sono stati guardati con sufficienza se non ostilità dai circoli ambientalisti. Ma hanno dato a Milano i maggiori parchi riqualificati oggi esistenti: Parco di Trenno, Parco Sempione, Parco delle Cave, Parco delle Basiliche: tutti fatti rinascere dal Centrodestra, oltre a centinaia di giardini di quartiere rimessi a nuovo grazie alla collaborazione col privato. Le nuove metropolitane, il carsharing e il bikesharing sono realizzazioni innovative del Centrodestra. E’ stato il Centrodestra ad assumersi la responsabilità politica di chiudere il centro alle auto con Ecopass, e non Pisapia che con Area C ha semplicemente ristretto i criteri di accesso. Ed è stato il Centrodestra a progettare e realizzare i nuovi quartieri (da Porta Nuova a City Life) che hanno elevato la qualità ambientale di Milano. Se oggi Milano compete in Europa in termini ambientali, lo si deve non ai referendum arancioni, ma alle scelte innovative e concrete del Centrodestra".

Tags:
gelminipisapiareferendum







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.