A- A+
Milano
prete

Circa 160mila euro 'spariti' dalle casse della parrocchia e prete trasferito. E' il 'giallo' che sta appassionando i fedeli di Pusiano, piccolo centro in provincia di Como. Nei prossimi giorni dovrebbe essere il parroco della Comunita' pastorale di Santa Maria, don Francesco Grasselli, a chiarire il mistero. "E' giusto che i parrocchiani sappiano - spiega - Non nasconderemo nulla. Domenica 4 agosto leggero' personalmente un comunicato alla popolazione e che sto preparando. Celebrero' la messa e poi spieghero' i motivi della partenza di don Luigi", si limita a dire per ora.

Intanto pero' in paese circolano le piu' disparate voci: Don Luigi avrebbe ammesso di essersi impossessato dell'ingente somma giustificandosi con il fatto che l'avrebbe usata per un parente gravemente malato. Tuttavia le indagini dei carabinieri di Erba avrebbero gia' portato alla luce un altra verita': gli investigatori, infatti, avrebbero trovato numerosi assegni ognuno per consistenti somme, firmati dal religioso e destinati ad un romeno 24enne. Il denaro era stato accantonato per lavori di sistemazione di alcuni immobili della parrocchia, per iniziative di beneficenza e altro. Invece nel giro di una manciata di mesi si sono volatilizzati. L'ammanco e' stato scoperto nel modo piu' banale: un insoluto bancario che ha indotto il Consiglio pastorale a controllare i conti.

Tags:
parrocchiacomofurto







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.