A- A+
Milano
Guerra in Procura: richieste nuove audizioni al Csm. Ma l'istruttoria sta per chiudersi

Andare avanti con l'istruttoria e convocare in audizione altri magistrati della procura di Milano. Questa la richiesta avanzata stamane in prima commissione dal togato di Magistratura indipendente, Antonello Racanelli, nell'ambito della pratica aperta sullo 'scontro' Robledo-Bruti. Il togato, in particolare, ha chiesto che vengano sentiti in audizione il procuratore aggiunto, Alberto Nobili, in merito all'assegnazione dell'inchiesta Ruby a Ilda Boccassini, i pm Claudio Gittardi e Antonio D'Alessio, che lavorano sull'inchiesta Expo, il pm Chiara De Iorio, titolare del fascicolo su Alessandro Sallusti, e gli uomini della guardia di finanza in relazione al presunto 'doppio pedinamento'. Solo giovedi' prossimo, dunque, la commissione decidera' se proseguire l'istruttoria, oppure se concludere i suoi lavori. Al momento, stando a quanto si e' appreso, la maggioranza dei componenti della prima commissione e' orientata a concludere qui l'istruttoria.

Tags:
guerraprocura







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.