A- A+
Milano

Nonostante i roboanti impegni presi dal Comune di far sgomberare l'ex scuola comunale di Via Santa Croce, occupata dal Centro Sociale Zam dopo lo sgombero da Via Olgiati, gli abusivi del suddetto Centro Sociale a 9 giorni da quella occupazione sono ancora lå. Nessun agente si è visto da quelle parti e il Comune, more solito, come negli altri 29 casi di occupazioni abusive, sembra già essersene dimenticato di aver promesso uno sgombero che non si farà mai. Questo alla luce anche delle dichiarazioni di apertura a quel Centro Sociale da parte della Consigliera Sonego, del Presidente della Commissione Sicurezza Mazzali e anche dell'Assessore Benelli che aveva previsto di dare spazi a questi ultimi in comodato gratuito o con affitti di favore. Tutto è fermo e la scuola di Santa Croce continua a essere occupata abusivamente, nonostante i ridicoli ultimatum di sgombero di Pisapia che non verranno mai portati a termine.

Di Riccardo De Corato, Vice-Presidente del Consiglio Comunale di Fratelli d'Italia

Tags:
zamde corato







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.